A MONTECALVO SI E’ SVOLTO IL ‘TREKKING POMPILIANO’


di Lucia Cafazzo

Lunedì 15 luglio, anniversario della dipartita al cielo di San Pompilio Maria Pirrotti, a Montecalvo Irpino si è riproposto un evento che negli ultimi anni ha visto la partecipazione di molti pellegrini e amanti del Santo: "Il Trekking Pompiliano". L’evento è stato curato, come sempre, dall’infaticabile Gaetano Caccese. La partenza effettuata da piazza San Pompilio verso l’antico percorso che il giovane Pirrotti compiva nel raggiungere la "Chiesa dell’Abbondanza" a lui tanto cara.

Si è passati via lungara fossi, "l’occhiu di lu diavulu", contrada conca, la zona della chiaria un vecchio percorso che anticamente si faceva a piedi per raggiungere il paese. Attraversando i calanchi della Chiaria-conca ci si immerge in luoghi suggestivi e particolari, un paesaggio unico e alberi secolari. Durante il cammino oltre alla possibilità di incontrare aspetti faunistici interessanti si raccoglie la sensazione di un immersione nella giungla, in quanto gli alberi maestosi e secolari che infoltiscono i luoghi con delle sensazione uniche agli occhi del pellegrino, trasformando la fatica del cammino in un crescente arricchimento della conoscenza di luoghi splendidi che mai nessun poteva pensar di aver a portata di mano, ma che spesso si pensa di girare il mondo per vedere. La zona essendo quasi tutta selvaggia rappresenta una riserva naturale d’uccelli e animali di vario tipo: tassi, volpi, cinghiali. Inoltre si nota lo svolazzare continuo di farfalle di ogni genere quasi come se ti trovassi in una riserva naturale, le pupille degli occhi battono come una macchinetta fotografica nel cercare di immagazzinare le immagini quasi in esclusiva del panorama e del paesaggio percorso.

Un profumo inebriante di finocchietto selvatico, origano e rucola.
Lungo il percorso si può poi ammirare e scoprire qualcosa che mai nessuno pensava di trovare: la stratificazione fossile di era glaciale compattata nei diversi livelli di sabbia e ghiaia marina, uno degli aspetti più interessanti tra le tante straordinarie bellezze riserva dei percorsi di trekking unici, tutti da esplorare e opportunità di sviluppo turistico tutte da sfruttare. Ed è grazie all’impegno di Gaetano Caccese che il tutto si sta evidenziando grazie alla sua perseveranza, e grazie a tutti coloro che collaborano con lui. E dopo tanto camminare il ritorno in Piazza San Pompilio.

2013-07-17 16:22:45

1

Commenti

comments

Lascia un commento