ACCORPAMENTO PICCOLI COMUNI, PUO’ ESSERE UN VANTAGGIO


Non dovremo aspettare il prossimo ottobre, per sapere che Montaguto farà comunque parte di quei 1.945 paesi al di sotto dei mille abitanti che, secondo la finanziaria di agosto, saranno accorpati. Uno stravolgimento dell’Italia che era già prevista, a dire il vero, e riguarderà anche l’abolizione delle province con meno di 300mila abitanti. Tra esse, Benevento (288mila). Per quanto riguarda i Comuni, si tratta di quasi un quarto del totale nazionale.

Il requisito base è quello puramente anagrafico: sotto i mille residenti iscritti si dovrà procedere all’accorpamento delle giunte e dei consigli comunali. Le nuove realtà saranno guidate da una figura "monocratica" – una sorta di borgomastro – che non prevede la presenza di assessori e assemblee. Tutti numeri e scenari, questi, che nella rilevazione anagrafica del prossimo ottobre potrebbero, però, riservare più di qualche sorpresa. Già, perché c’è già qualcuno, come ad esempio l’ex presidente della provincia di Benevento (che sarà quasi sicuramente accorpata con quella di Avellino), Carmine Nardone, che ha proposto: «Ai cittadini sanniti che vivono negli altri Paesi del mondo suggerisco di godere della doppia residenza». Un escamotage che potrebbe essere utilizzato proprio per i prossimi rilevamenti.
 LA PROVINCIA DI AVELLINO.
La Provincia di Avellino è salva e non sarà cancellata: resta invece in bilico la posizione del presidente Cosimo Sibilia che dovrà vedersela con la sua presunta incompatibilità derivante dalla sua doppia carica ricoperta a Palazzo Caracciolo e al Senato. Condizione che non sarebbe più ammissibile nel caso di una entrata in vigore delle nuove regolamentazioni.

 18 I COMUNI IRPINI.

In Irpinia saranno accorpati 18 comuni: Cairano, Cassano Irpino, Chianche, Greci, Monteverde, Montaguto, Parolise, Petruro Irpino, Rocca San Felice, Sant’Angelo all’Esca, Sant’Angelo a Scala, Salza Irpina, San Nicola Baronia, Senerchia, Sorbo Serpico, Tufo, Torrioni e Villamaina. Tra questi non figura Savignano Irpino, che conta circa 1.200 abitanti.
A ogni modo, abbiamo chiesto al sindaco di Montaguto, Giuseppe Andreano, cosa ne pensasse. "Può essere un segnale positivo. Sarebbe un problema se fossimo accorpati a comuni grandi quanto Orsara, perché in quel caso non avremmo voce in capitolo. Ma se ci unissimo con Savignano e Greci avremmo la stessa forza. Non solo: possiamo anche sfruttare il meglio di ogni paese. Così, chi ha delle eccellenze potrà metterle a disposizione degli altri comuni".
Nel caso di Montaguto, ad esempio, si potrebbe sviluppare l’Area P.i.p., il Piano Insediamenti Produttivi, costato quattro milioni di euro, e dal quale si attendeva lo sviluppo economico dell’intero territorio, ma che però non ha portato risultati. Montaguto ce l’ha, mentre ne sono sprovvisti Greci e Savignano. Contestualmente, si potrebbe far arrivare l’Adsl, per la quale ancora non si hanno risposte. Potrebbero poi costruirsi altre infrastrutture, potenziare la linea ferroviaria e dei trasporti su gomma. Perché, se come dice una nota pubblicità, two is megl che uan, figurarsi tre comuni fusi in uno solo. La voce potrebbe essere notevolmente più alta.
Michele Pilla

2011-08-16 19:28:55

3

Commenti

comments

Lascia un commento