Addio Luca, storico portavoce della Protezione Civile


La redazione di Montaguto.com desidera inviare le più sentite condoglianze alla famiglia Spoletini per la prematura scomparsa di Luca, storico portavoce del Dipartimento della Protezione Civile. Come scrive l’amico e collega Gianni Vigoroso su Ottopagine, Luca si è spento all’ospedale di Messina, dopo aver avvertito un malore a Lipari nei giorni scorsi, poi il riacutizzarsi della malattia autoimmune con cui conviveva da anni e purtroppo il decesso causato da un peggioramento delle sue condizione. Spoletini, 49 anni, lascia la moglie Caterina, il figlio Francesco di 9 anni e una bambina che nascerà a settembre.

Dal 2001 è stato l’unico vero e puntuale riferimento in Italia su ogni alluvione, catastrofe o emergenza. Nella Valle del Cervaro era diventato ormai di casa. Era attualmente alle dirette dipendenze di Palazzo Chigi.

Un contatto diretto e costante con Ariano Irpino, Savignano e Montaguto, nei mesi critici in cui l’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso fu chiamato a fronteggiare due spinose emergenze, quella relativa ai rifiuti con le discariche di Pustarza e Difesa Grande e la seconda ancora più delicata sotto l’aspetto ambientale ed idrogeologico, con la frana di Montaguto. Spoletini diventò un punto di riferimento importantissimo soprattutto con gli amministratori locali, senza mai sottrarsi ad ogni nostra telefonata a tutte le ore del giorno. Simpaticamente Tonino Mauriello consegnò nelle sue mani il pane di Panni e altre bontà in una delle sue tante visite a Montaguto. Oggi la Valle del Cervaro, l’arianese e la comunità dei Monti Dauni, Montaguto, Savignano e Panni in modo particolare. Lo ricordiamo tutti con grande affetto, unendoci al dolore della sua famiglia.

Commenti

comments

Lascia un commento