Anci, i sindaci scrivono a Conte: «In fase 2 serve un nuovo passo»


I sindaci metropolitani, con in testa il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, hanno scritto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, chiedendo  un incontro per rappresentare le esigenze delle città, fondamentali nella fase di ripartenza.

“Caro presidente – scrivono Decaro, Raggi, Sala, de Magistris, Appendino, Orlando, Bucci, Merola, Nardella, Pogliese, Brugnaro, Falcomatà e Truzzu – questa lettera non è un elenco di rivendicazioni in nome dei Comuni, non è una sequenza di istanze relative a questo o a quel capitolo del bilancio, non è neppure una richiesta di incontro come tutte le altre. Noi sindaci delle Città metropolitane oggi ti rivolgiamo una esortazione nell’interesse del Paese. Siamo convinti, più che mai, che senza una manovra di aggiustamento, urgente e indifferibile, salteranno i servizi essenziali di tutte le Città italiane. Il rischio potrebbe essere un drammatico lockdown delle attività che, quotidianamente, i Comuni svolgono in ogni angolo del nostro Paese per i loro cittadini. Se di ciò non si prende piena e profonda consapevolezza, a farne le spese saranno le Città d’Italia e cioè l’Italia stessa”.

Il presidente Conte ha immediatamente risposto alla sollecitazione dei sindaci convocando una riunione per domani, giovedì 28, alle ore 15.00.

» CLICCA E LEGGI LA LETTERA

Commenti

comments

Lascia un commento