ARIANO, IL PICCOLO AGOSTINO FINALMENTE TORNA A CASA!


Viggiano attende il piccolo Agostino, il bimbo di un anno miracolato al Santobono di Napoli. Procede bene il decorso post operatorio all’ospedale Pausilipon. I medici partenopei potrebbero già nelle prossime ore dimetterlo. Una storia tenerissima quella di Agostino, che ha tenuto con il fiato sospeso la città per qualche mese, dall’estate scorsa quando si era temuto il peggio per lui. La preghiera da allora è stata incessante, la solidarietà verso la famiglia straordinaria e costante.

Oggi papà Stefano, mamma Ilaria, insieme ai nonni materni Giovanni Mormile e Rosalba De Luca e quelli paterni Raimondo De Furia e Anna Bertinetti, che tanti sacrifici hanno fatto per quel piccolo angelo, sorridono e possono finalmente tirare un sospiro di sollievo.

Come pure straordinario è stato l’affetto dimostrato in contrada Viggiano a partire da Liberata Vitillo: "Con l’aiuto del Signore hai superato questa battaglia, non ho mai perso la speranza – scrive Liberata – perché nei tuoi occhi, si vedeva la voglia infinita di vivere e hai fatto di tutto, pur di uscirne vittorioso. Sei stato forte e lo sarai per sempre". A parlare, commossa più del solito è proprio la mamma del piccolo Ago, Ilaria Mormile: "Il signore ha messo una mano grande, grazie anche a voi per le vostre preghiere, vi ringrazio davvero di cuore, non ho più parole, grazie Ariano". Sono parole che escono dal cuore quelle di Ilaria. Da suo figlio non si è distaccata un solo istante. Ha avuto accanto a se una grande solidarietà che le ha permesso di superare i momenti più difficili. Una famiglia esemplare e unita e sono stati proprio i genitori di Ilaria e Stefano a fare a gara per offrire calore e attenzioni al piccolo Agostino. "Non smetteremo mai di ringraziare i medici per quello che hanno fatto, per le loro attenzioni e per la squisita disponibilità – affermano i nonni – hanno dimostrato davvero di avere grandi doti umane oltre alla loro professionalità. Un giorno li ringrazierà personalmente anche Agostino, che ora contiamo di riportare a casa al più presto."

Gianni Vigoroso

2011-03-04 12:14:09

0

Commenti

comments

Lascia un commento