CASO ADDAI, DAL GHANA ARRIVERA’ LA SUA FAMIGLIA. E SI ATTIVA ANCHE MANGANELLI!


Il fax tanto atteso dalla lontana terra del Ghana è arrivato al Commissariato di Polizia di Ariano Irpino. E’ indirizzato all’amico e collega Gianni Vigoroso, davvero straordinario, come dimostra questa sua perseveranza finalmente premiata, e al suo gruppo che sta portando avanti l’iniziativa umanitaria tesa a far ricongiungere in italia lo sfortunato giovane ghanese ricoverato in coma vegetativo nell’ospedale di Bisaccia e i suoi familiari. A scrivere per la seconda volta è Kwasi Addai, 41 anni, fratello di Kwaku. Nell’apprezzare il grande gesto di solidarietà dell’Irpinia, Kwasi comunica che saranno in tre a raggiungere al più presto sua fratello in ospedal… (CONTINUA ALL’INTERNO)

Oltre a lui, arriverà a Bisaccia, la moglie di Kwaku Addai, Comfort e il figlio di 15 anni, Dickson, grande talento del calcio. Grazie alla solidarietà della gente ed una sottoscrizione davvero sorprendente, culminata nel traguardo dei diecimila euro, è stato possibile effettuare i passaporti, provvedere a breve all’acquisto dei biglietti di viaggio ed offrire un sostegno economico a chi in questo momento ne ha davvero tanto bisogno. Da Roma per accelerare le altre pratiche più importanti, il capo della polizia Antonio Manganelli si è subito attivato affidando il caso al funzionario del Ministero degli Interni al Viminale, Vito Cunzolo. In Alta Irpinia, mobilitata caritas, volontariato sotto il coordinamento del vescovo Francesco Alfano, per offrire ospitalità ed accoglienza alla sfortunata famiglia. E c’è già chi ha fatto pervenire aiuti da fuori provincia. La Igam Spa di Canosa di Puglia ha preparato un pacco contenente indumenti intimi, da offrire in segno di solidarietà alla famiglia Addai. Un grande gesto, se si considera che sia partito silenziosamente e a sorpresa senza aver chiesto nulla. Un grande miracolo che sta per avverarsi, gli occhi di Kwaku cominciano già a sorridere.
Questo il testo del fax invaiato dal Ghana:
"Letter of confirmation and gratitude kwasi addai with much interest in writing this letter to confirm and notify gianni vigoroso group of our preparedness and readiness to visit our sick brother Kwaku Addai. The request made in the fax wanting to know the number of people coming. Date of birth. Names and address has been certified. In all we have three persons coming 1. Kwasi addai 1970, 2 comfort addai 1975 3 dickson addai 1996. I have enclosed photocopy of each person’s passaport in the fax. I thank the Gianni Vigoroso group for this kind gratitude gesture done to the family of Addai.
Yours Faithfully
".

Kwasi Addai

L’amico e collega Gianni Vigoroso con Lucia Cafazzo e Pascal Melchionna

2011-02-25 19:42:35

0

Commenti

comments

Lascia un commento