CERVARO, ACQUE TORBIDE: SOSPETTI SULLA PRESENZA DI IDROCARBURI


Acque torbide nel Cervaro, allo scalo di Savignano Irpino. Si sospetta la presenza di idrocarburi. Un deflusso incontrollato di liquido nero rossastro, lungo il  torrente che sfocia a Manfredonia. E’ stato Giovanni Maraia, Ariano in movimento, allertato da alcuni passanti, ad avvisare prontamente i carabinieri. Sul posto è giunta una pattuglia della locale stazione guidata dal comandante Matteo Meloro.

I militari hanno richiesto l’intervento dall’Arpac per effettuare prelievi e verifiche lungo il corso d’acqua. Al momento non si conosce la provenienza e il tipo di sostanza sversata nel fiume già inquinato dal percolato rovesciato in maniera scellerata a Difesa Grande. Nel 2004 fu proprio Giovanni Maraia a denunciarlo attraverso una serie di esposti e in una intervista rilasciata alla giornalista Rai Carmen Lasorella. Ora gli abitanti chiedono che venga al più presto fatta chiarezza sull’accaduto.

(Fonte: Ottopagine)

2012-04-07 13:55:44

5

Commenti

comments

Lascia un commento