Concerto ‘Ritratto dell’amata’ diretto da Marco Berrini a Montaguto, ecco il video ufficiale di Irpinia Madre Contemporanea

Marco Berrini a Montaguto.

Si chiude con una straordinaria partecipazione di pubblico il quinto appuntamento di Irpinia Madre Contemporanea. Domenica 16 giugno presso la chiesa Maria SS. del Carmine in Montaguto il coro polifonico "EquiVoci" , con la magistrale direzione del maestro Marco Berrini ha eseguito il repertorio "Ritratto dell'amata". Di nuovo un incontro tra musica Alta e pubblico pieno di entusiasmo. Ancora un'occasione in cui uno splendido borgo accoglie e condivide , con la presenza garbata e appassionata di una comunità.#irpiniamadrecontemporanea #marcoberrini #montaguto

Pubblicato da Irpinia Madre Contemporanea su Mercoledì 19 giugno 2019

Pienone, domenica 16 giugno, nella suggestiva cornice della Chiesa di Maria SS del Carmine di Montaguto in occasione dello splendido concerto polifonico “Ritratto dell’amata”, magistralmente eseguito dall’ensemble vocale “EquiVoci” e diretto da un impeccabile Marco Berrini. Un pubblico meraviglioso, entusiasta dell’esibizione di cui vi mostriamo foto e video di Maria Schiavone.

L’evento era inserito nell’ambito della kermesse “Irpinia Madre Contemporanea”. Il principe della polifonia del Cinquecento e la sua famiglia sono storicamente legati all’Alta Irpinia. Il grande madrigalista riparò nel Castello di Gesualdo dopo l’omicidio della moglie e del suo amante.

“Irpinia madre contemporanea” è un originale festival culturale, in programma dal 18 maggio al 23 giugno, alla sua III edizione, confermando la sua formula diffusa con il coinvolgimento di sei tra i più bei borghi dell’alta provincia di Avellino (Rocca San Felice, il comune capofila della kermesse, Torre Le Nocelle, Conza della Campania, Montefalcione, Montaguto, Guardia dei Lombardi).

Il format permetterà al pubblico di godere al meglio delle bellezze dei borghi dell’alta Irpinia. La manifestazione è realizzata con il contributo della Regione e patrocinato dal MIBAC, ideato e organizzato da Antonia De Mita con la direzione artistica di Antongiulio Onofri.

Commenti

comments

Lascia un Commento