DELL’ACQUA: ‘PER ORA NIENTE OPERE A DIFESA DI FERROVIA E STRADA’


di Michele Pilla

La frana di Montaguto è ferma, la situazione resta sotto controllo. Nicola Dell’Acqua, responsabile ufficio rischi idrogeologici della Protezione civile, è pienamente d’accordo col capo dipartimento, Franco Gabrielli, ieri in visita a Montaguto. I lavori eseguiti finora hanno portato solo benefici. Presente all’incontro anche l’assessore regionale alla Protezione civile, Edoardo Cosenza.

Dell’Acqua riferisce che Cosenza "ha già cominciato a mandare suoi uomini dalla Regione per affiancare il dipartimento in attesa di un eventuale cambio". L’unica novità rispetto agli ultimi tempi, ci spiega, è che "la situazione è talmente positiva che si eviteranno di fare le opere a difesa di ferrovia e strada. Per il momento non ci lamentiamo".
Ripercorrendo le tappe degli interventi effettuati, Dell’Acqua accenna allo scorso anno: "In questo momento l’anno scorso si muoveva in maniera pesante, mentre adesso si muove solo la parte centrale, meno di un centimetro al giorno. Lì, però, le opere non sono ancora arrivate. La situazione si pensava più complessa. Adesso vediamo come va quest’inverno e il punto lo faremo a marzo. Abbiamo già avuto un collaudo incredibile con tutta l’acqua della scorsa estate. Le opere al piede – conclude – sono molto importanti, e lì si vedono. Stanno lavorando ben tre imprese in contemporanea. La vedo davvero positiva".
L’assessore Cosenza si è fatto un’idea della situazione, essendo per lui ieri la prima volta a Montaguto. “Ho potuto constatare di persona – ha dichiarato l’assessore al termine del sopralluogo – lo straordinario lavoro attuato dalla Protezione civile nazionale per bloccare la più grande frana lenta d’Europa. Attualmente i movimenti sono minimi e la Statale delle Puglie, così come gli abitanti del posto, sono in sicurezza. A maggio 2012, la Regione subentrerà alla Protezione civile nazionale per la gestione e la manutenzione delle opere.
"A tal proposito, chiederò l’istituzione di un tavolo di lavoro con Anas, Ferrovie dello Stato e Regione Puglia, per stabilire le modalità amministrative e finanziarie. Inoltre istituirò subito un gruppo di lavoro composto dai tecnici del mio assessorato, dell’Agenzia regionale Difesa suolo (Arcadis) e della protezione civile regionale per affiancare le squadre attualmente all’opera e seguire tutte le ultime fasi di lavorazione. Lo stesso gruppo di lavoro studierà anche i sofisticati strumenti di monitoraggio attualmente in uso, per l’eventuale coordinamento con le strutture centrali della protezione civile regionale ed, in particolare, con il centro di rilevazione meteo del Centro funzionale. Un affiancamento – ha concluso Edoardo Cosenza – propedeutico al passaggio di consegne e che ci consentirà di essere pronti al meglio".

2011-11-18 10:49:48

0

Commenti

comments

Lascia un commento