DISCARICA: SI RITORNA A CONTRADA ISCHIA?


La soluzione per scongiurare la realizzazione della discarica a Pustarza resta una sola: tornare a contrada Ischia. È questo il punto principale della bozza d’accordo raggiunta, ieri mattina a palazzo Caracciolo, nel corso del vertice cui hanno preso parte la presidente dell’amministrazione provinciale Alberta De Simone, il sindaco Ciasullo e gran parte del consiglio comunale di Savignano, alcuni consiglieri comunali di Ariano e diversi rappresentanti della protesta.

Le parti hanno condiviso l’opportunità di proporre al supercommissario De Gennaro la necessità di ridurre la volumetria della discarica, dalle 700mila tonnellate previste dal progetto a 350mila, e, soprattutto, definire il livello provinciale dello sversatoio, che dovrà essere chiamato ad accogliere, così come era stato annunciato in partenza, esclusivamente fos e sovvalli a norma provenienti dal Cdr di Pianodardine. La bozza d’accordo è stata illustrata in un documento che dovrà essere sottoscritto, in tempi rapidissimi, da tutte le parti presenti all’incontro. La presidente De Simone, a quel punto, manterrebbe l’impegno di presentare l’intesa al supercommissario De Gennaro, per invitarlo a dirottare l’attenzione da Pustarza e concretizzare il progetto di contrada Ischia. L’inquilino numero uno di palazzo Caracciolo chiederà, altresì, la sospensione immediata dei lavori avviati mercoledì. «C’è l’impegno della presidente – evidenzia il sindaco Ciasullo – a lavorare per l’interruzione dei lavori in questa settimana pre elettorale, in prima battuta per motivi di ordine pubblico, ma anche per verificare una soluzione alternativa a quella che si sta ponendo in essere». Per far questo, però, la De Simone chiede che la soluzione prospettata nel corso del vertice di ieri mattina sia condivisa dalle istituzioni locali, dal comitato e dal territorio. Diversamente, si sentirebbe quasi non legittimata ad avviare una trattativa che, già in partenza, si annuncia assai difficile. De Gennaro, infatti, ha già annunciato a chiare lettere la sua intenzione di portare avanti il percorso intrapreso su Pustarza. Qualcosa, dunque, comincia a muoversi, anche se si tratta di un primo piccolo passo. Il percorso intrapreso, infatti, incontra già due ostacoli di non poco conto: convincere la popolazione della zona a condividere una bozza d’accordo che comunque prevedrebbe la realizzazione di una discarica nel comune di Savignano e, soprattutto, il supercommissario De Gennaro a bloccare i lavori di Pustarza e discutere della proposta che, condivisa con il territorio, arriverà da palazzo Caracciolo.

Fonte: Il Mattino

2008-04-07 10:42:32

2

Commenti

comments

Lascia un commento