EMERGENZA TERRITORIO, I CIRCOLI ALTIRPINI DEL PD SI INCONTRANO A LACEDONIA


a cura di Lucia Cafazzo

"Il Partito democratico dimostra ancora una volta tutta la sua attenzione nei confronti del territorio e dell’interesse generale delle comunità dell’Alta Irpinia. Lo fa promuovendo un incontro tra i Circoli democratici di Andretta, Aquilonia, Bisaccia, Calitri, Lacedonia e Monteverde". Con queste parole Pasquale Gallicchio dirigente provinciale del Partito democratico commenta l’incontro che ha organizzato insieme ai coordinatori e che si terrà domenica 21 ottobre 2012 alle ore 17.30 presso la sede del Pd di Lacedonia.
"Sono sezioni che già da tempo portano avanti un lavoro politico importante, avanzando spesso proposte concrete e credibili. Cerchiamo – afferma Gallicchio – di tener viva l’abitudine di discutere delle questioni che interessano la nostra terra. Ancora una volta la mia gratitudine è rivolta a tutti i partecipanti che credono in una politica di impegno sul territorio. Molte le proposte che in passato sono state avanzate. Basti pensare alla questione delle rinnovabili, al conseguente modello industriale che può essere avviato e alla forte denuncia per le difficoltà e le lentezze degli iter autorizzativi, oppure all’utilizzo delle stesse nel settore agricolo come incentivo al reddito, la sanità e la vertenza ospedali, le criticità delle aree industriali e il riutilizzo dei capannoni, la viabilità e i trasporti. Questi sono soltanto alcuni dei temi affrontati per i quali i circoli del Partito democratico hanno proposto delle soluzioni».
Rispetto all’incontro di Lacedonia il dirigente provinciale accenna le linee del dibattito. «Di certo si parlerà di primarie ma molta attenzione sarà rivolta alle emergenze del territorio e sulla possibilità di creare un’agenda delle priorità da sottoporre a tutti coloro i quali, in particolare del Partito democratico, si candideranno alle prossime elezioni politiche».
Nella stessa occasione di domenica Gallicchio annuncerà la prima serie di tappe del suo “Viaggio nell’Irpinia Democratica”. Un lavoro politico molto lungo e ricco di aspettative.
«Dobbiamo mettere in campo la capacità di ripensare proposte utili al progresso e allo sviluppo. Rispetto a ciò la mia iniziativa dimostra l’impegno concreto di come costruire un nuovo modo di fare politica ma nello stesso tempo di ascoltare la spinta che viene dal basso. Infatti, rispetto a questa finalità non mi basterà incontrare i circoli del Pd ma cercherò il confronto e il supporto di movimenti, associazioni e molti altri che sono depositari di passione, impegno e competenze. Insomma, fare in modo da chiedere l’adesione ad un progetto non già scritto ma da pensare e scrivere insieme. Soltanto così si potrà tentare di colmare il divario tra politica e cittadini. Inoltre, una visione più europea e mediterranea aiuterebbe molto a ridare al Mezzogiorno una nuova speranza, una nuova collocazione strategica, un ruolo spesso annunciato ma mai praticato. In questo contesto l’Irpinia ritroverebbe la giusta integrazione».
Gallicchio interviene anche sulla questione della Purenergy, azienda di Bisaccia nel settore delle rinnovabili che ha deciso di abbandonare l’Irpinia con un progetto da 25 milioni di euro per 300 assunzioni, perché dalla Provincia di Avellino non ci sono risposte. «A Lacedonia parleremo anche di questo – dichiara Gallicchio – e faremo in modo che la vicenda possa essere sollevata in più luoghi. A Palazzo Caracciolo tramite i nostri rappresentanti in Consiglio ma nello stesso tempo mi impegno da subito a contattare il Presidente di Confindustria Avellino, Sabino Basso e il Presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia. Un tavolo di confronto in Confindustria è auspicabile da subito e con la massima urgenza. Questa sarà la richiesta che avanzerò a Basso. Dobbiamo evitare questo abbandono da parte di un’azienda irpina che rappresenta un elemento di eccellenza nel nostro Mezzogiorno che vuole risorgere».

2012-10-20 14:07:00

1

Commenti

comments

Lascia un commento