Il progetto del professor ingegner Leonardo Cascini

ESCLUSIVA Montaguto.com: il Progetto Cascini, primo vero studio sulla frana

Facciamo un passo indietro. Lo scorso 16 aprile Guido Bertolaso torna a Montaguto, quattro anni dopo le promesse del 2006. Stavolta, però è deciso a risolvere la questione. Diventa commissario per l’emergenza frana al posto di Mario De Biase, durato in carica 39 giorni, e insedia l’esercito. La Protezione Civile si assume la responsabilità plenaria del caso. Viene chiamata a collaborare l’università degli studi di Firenze, che in un mese mette a punto alcune linee progettuali sulla scorta di precedenti progetti. “Abbiamo sviluppato progetti precedenti, quello di Palmieri del 2007 e quello di Cascini del 2009) e abbiamo realizzato un progetto nuovo”, ha dichiarato ieri, durante il briefing, il professor Nicola Casagli. Ebbene, Montaguto.com in esclusiva vi propone un estratto del progetto Cascini, il primo vero studio realizzato sulla frana.

pallinoverde SCARICA L’INTERO PROGETTO

pallinoverde ALLEGATO 1-1    pallinoverde ALLEGATO 1-2    pallinoverde ALLEGATO 1-3   pallinoverde ALLEGATO 1-4

pallinoverde ALLEGATO 1-5    pallinoverde ALLEGATO 1-6    pallinoverde ALLEGATO 1-7

pallinoverde ALLEGATO 2-1    pallinoverde ALLEGATO 2-2    pallinoverde ALLEGATO 2-3    pallinoverde ALLEGATO 2-4

pallinoverde ALLEGATO 2-5    pallinoverde ALLEGATO 2-6    pallinoverde ALLEGATO 2-7    pallinoverde ALLEGATO 2-8    pallinoverde ALLEGATO 2-9

Fu approvato lo scorso 5 agosto negli uffici della Protezione Civile Campania, alla Regione e poi presentato ufficialmente alla Conferenza dei Servizi tenutasi il 24 agosto alla Regione Campania alla presenza di sindaci e tecnici (LEGGI QUI). Tale progetto, realizzato in 35 giorni tra giugno e luglio, prevedeva risagomatura del cumulo, canalizzazione delle acque a monte e svuotamento del lago in superficie. Per la prima volta, infatti, si parlava di acqua. “Tali operazioni erano da ultimare entro ottobre, e lo dissi chiaramente, perché quando in quella zona arriva l’inverno lavorare diventa improponibile. Addirittura, era assolutamente possibile liberare la strada

Commenti

comments

Lascia un Commento