FINALMENTE, ANCHE LA PROVINCIA SI SVEGLIA! INTANTO TATARELLA CHIAMA LETTA


Finalmente, dopo anni di torpore, è arrivato anche l’intervento della Provincia di Avellino. Ieri, in serata, una nota del presidente Cosimo Sibilia, che ha deciso di aprire gli occhi dopo l’intervento della Puglia: "La Provincia di Avellino – ha spiegato – raccogliendo le istanze degli amministratori e della popolazioni della zona – pur non avendo competenze sulla vicenda – ha già promosso nei mesi scorsi iniziative per sollecitare interventi urgenti sia alla Regione Campania, sia al Governo nazionale, al fine di risolvere la problematica della frana di Montaguto. Un evento che sta mettendo in ginocchio l’economia di quell’area, sta creando notevoli disagi alle popolazioni locali e interrompe il trasporto ferroviario nazionale in direzione Puglia… (CONTINUA ALL’INTERNO)

Anche il Consiglio Provinciale, all’unanimità, ha sollecitato azioni decise e tempestive al Commissario incaricato di gestire l’emergenza, alla Regione Campania, al Governo nazionale. La Provincia è pronta e disponibile a continuare a fare fino in fondo la sua parte, investendo della questione il Governatore della Regione Campania, Stefano Caldoro".
Una piccola considerazione: verissimo che la Provincia non ha competenze sulla vicenda, ma perché devono mobilizzarsi sempre prima gli altri – in questo caso la Puglia? Perché il Presidente della Provincia di Brindisi deve promuovere una protesta? Problemi economici, d’accordo. Ma, ahinoi, abbiamo perso un’altra occasione per mostrare coesione. Grazie a Dio, però, si sono ricordati di questo piccolo comune al confine con la Puglia, ma pur sempre appartenente alla provincia di Avellino e alla Regione Campania. Meglio tardi che mai…

Intanto, un altro intervento dell’Onorevole Salvatore Tatarella, europarlamentale pugliese. Dopo il sopralluogo di sabato mattina a Montaguto dove la frana più ampia d’Europa interrompe da tempo la strada statale 90 e da circa un mese la linea ferroviaria Foggia-Benevento, l’on. Tatarella ha chiamato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, sollecitando interventi da parte dell’esecutivo. All’on.Letta, Tatarella ha sottolineato la necessità di dichiarare lo stato di emergenza per dotare il commissario incaricato dei necessari poteri. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio – informa Tatarella in una nota – ha assicurato che la questione è all’attenzione di Palazzo Chigi e che verrà affrontata con la massima sollecitudine, di concerto con le Regioni interessate. ‘L’emergenza dell’interruzione della linea ferroviaria – sottolinea Tatarella – non è che la cima dell’iceberg. Bisogna intervenire con assoluta urgenza per ripristinare i collegamenti fra la Puglia e Roma, ma anche per prevenire una possibile calamità legata all’interruzione del corso del fiume Cervaro’. ‘Bisogna, infine ma non per ultimo, – sostiene ancora Tatarella – rendere giustizia ad una popolazione e ad un territorio che da quattro anni vivono disagi indicibili’. ‘La colpevole inerzia della Regione Campania – conclude l’eurodeputato pugliese – ha contribuito in modo decisivo ad una insufficiente attenzione da parte del Governo’.

2010-04-13 01:56:27

2

Commenti

comments

Lascia un commento