Foggia, a due giorni dalla sfida di Fondi in città l’attesa si fa frenetica: corsa al biglietto, maxischermi e palazzi rossoneri

Grande, grandissima attesa a Foggia per la sfida di domenica pomeriggio in casa del Fondi: ai rossoneri basterà un punto per raggiungere la promozione in serie B, che manca da 19 anni. Ormai mancano tre giornate al termine e in città già iniziano ad organizzare i festeggiamenti. Il comune ha dato l’okay all’installazione di un paio di maxi schermi. Dopo Foggia-Reggina non ci si nasconde più. La città è un catino bollente che aspetta di esplodere. Bandiere ai balconi, stendardi, manifesti e striscioni in giro. A metà pomeriggio di ieri, negli uffici della società c’erano funzionari del comune ed emissari del sindaco a discutere.

Intanto, i 1.200 tagliandi disponibili per la trasferta allo Stadio Comunale “Purificato”, sono stati polverizzati in poche ore e sarà impossibile quindi trovare altri biglietti ai botteghini dell’impianto laziale. E sulla possibilità di accedere in altri settori, “su disposizione della Questura – ha spiegato la società dell’Unicusano Fondi -, per motivi di ordine pubblico, per il settore locali la vendita dei biglietti è riservata esclusivamente ai residenti nella provincia di Latina”.

Per motivi di ordine pubblico, dicono, cancelli chiusi. Non c’erano le condizioni, né si poteva prevedere l’afflusso. Sui social si terrà della festa. Tutti, in qualche modo, e in ogni parte del mondo, devono poter partecipare a quella giornata, se festa sarà. Anche per chi è lontano, sarà la domenica che non si dimentica.

Altra sorpresa per i tifosi rossoneri: la Lega Pro sul sito ufficiale, ha pubblicato la procedura per acquistare i diritti audiovisivi per la gara di domenica tra il Fondi e il Foggia. Si parte da un corrispettivo minimo di 5.000 euro oltre IVA, e “i diritti di messa in onda in diretta su base locale esclusivamente con le modalità di trasmissione via digitale terrestre” si legge, verranno aggiudicati al miglior offerente. L’ultima offerta si potrà presentare entro oggi alle ore 16.

Per quanto riguarda gli aspetti tecnico-tattici, mister Stroppa dovrà rinunciare al centrocampista Francesco Deli, che si è infortunato qualche giorno fa e ha riportato una lesione di primo grado all’adduttore della coscia. Non un infortunio grave, ma probabilmente per lui la stagione si chiude anzitempo. Per il resto, sembra tutto pronto.

La gara sarà diretta dall’arbitro Giacomo Camplone, appartenente alla sezione di Pescara, ha sinora “fischiato” per 24 volte nel due anni sin qui trascorsi in terza serie. I suoi numeri parlano sin qui di 11 affermazioni per le squadre di casa, cinque vittorie esterne ed otto pareggi. Al suo fianco la coppia di assistenti formata da Michele Nocenti, della sezione di Padova (già assistente 1 nella gara che i rossoblù hanno giocato in quel di Messina nel girone d’andata), e da Patric Lenarduzzi, del comitato Aia di Merano.

Mancano due giorni, ancora troppi, e un solo punto, poco, molto poco, per colmare una distanza temporale lunga 19 anni.

Quelli che separano il Foggia dalla serie B tanto attesa e, diciamocelo francamente, davvero meritata.

foggia_rossonera

» VIDEO: IL SALUTO DI STROPPA AI MONTAGUTESI

Commenti

comments

Lascia un Commento