FOTO | Da Montaguto a Orsara per realizzare mascherine: solidarietà per supportare la splendida iniziativa della Manta Group


L’unione fa la forza. In questi giorni è balzata agli onori della cronaca la meravigliosa iniziativa della Manta Group, azienda manifatturiera pugliese, situata a Foggia, specializzata in produzione, assemblaggio e trattamenti superficiali di componenti e sub-assiemi aeronautici ed automotive, di proprietà della famiglia Frisoli di Orsara di Puglia.

In questi giorni, per far fronte all’emergenza sanitaria che ha quasi azzerato le scorte di mascherine nelle farmacie e nei magazzini delle aziende produttrici, la famiglia Frisoli ha deciso di destinare un reparto della propria azienda alla produzione di mascherine.

E a supportare questa iniziativa c’è anche Montaguto. Fiorella De Michele, infatti, è stata coinvolta in questo progetto, e ha chiesto il sostegno della Pro Loco di Montaguto. La proposta è stata accolta con entusiasmo e a oggi ci sono cinque amiche montagutesi impegnate in questo meraviglioso lavoro: Concetta Cobuzzi, Concetta D’Urso, Fiorella De Michele, Giovanna De Silva e Giulia Padovano.

Come ci spiega al telefono Michele Frisoli, ceo dell’azienda: «Abbiamo un’area in cui facciamo un lavoro pseudo-tessile attraverso l’utilizzo di banchi di taglio automatizzati per il taglio delle tele di materiale composito. Abbiamo quindi pensato di riconvertire quei banchi per tagliare le tele di materiale tnt. Stiamo testando le mascherine prodotte a Montaguto, le quali dovranno passare i test e le prove di laboratorio dall’Università di Bologna e poi il parere dell’Istituto superiore di sanità. Ci vorranno un paio di settimane. Se arriverà la certificazione, queste saranno donate a strutture sanitarie sul territorio. Se tutto andrà bene, ci sarà una seconda fase, quella della produzione, con la quale cercheremo di sopperire alla copertura dei costi e remunereremo il lavoro di chi in questo momento ci sta supportando gratuitamente. Il nostro intento non è di fare profitto da questa attività, ma solo quello di coprire i costi».

A 3 giorni dall’inizio della produzione la Manta Group ha distribuito 30.000 schermi filtranti con ordini per altri 80.000 e manifestazioni di interesse da parte di diversi enti per altri 100.000.

Per adesso, dunque, quello di Montaguto è un lavoro volontario, in attesa della seconda fase.

«La “Manta Group” ci fornisce tutto il materiale e le linee guida su come produrre le mascherine – ci spiega Fiorella De Michele -, che devono rispettare determinati standard, ma il lavoro ce lo mettiamo noi, gratis. Lo voglio sottolineare. Questo è un piccolo grande gesto che facciamo per dare anche noi il nostro contributo.»

Complimenti, dunque, alla Manta Group e alle nostre amiche montagutesi, che hanno sposato questa splendida iniziativa con grande impegno ed entusiasmo.

Commenti

comments

Lascia un commento