FOTO | Grande successo ieri per il tea time organizzato dall’Associazione Orsara Soccorso


Grande partecipazione, ieri pomeriggio, alla Sala San Francesco di Orsara di Puglia per l’evento organizzato dall’Associazione Orsara Soccorso in collaborazione con l’Accademia Foggiana delle Emergenze e l’Italia Resuscitation Council. Un Tea Time per una lezione gratuita interattiva sulle tecniche di disostruzione pediatrica, con una partecipazione attenta ed interattiva delle mamme, delle nonne e delle suore dell’asilo privato Elena di Montenegro

Dopo i due corsi BLSD A e BLSD P, svoltisi nei giorni scorsi, è stato il momento di apprendere le tecniche di disostruzione pediatrica, gli alimenti pericolosi e le tecniche di taglio degli alimenti.

“Per fare prevenzione bisogna parlare di eventi che si spera non ci capitino mai – hanno spiegato gli organizzatori – e che invece accadono di sovente come abbiamo appreso dall’interazione con le mamme spesso in preda al panico in simili circostanze . Parlarne, conoscere quali sono le domande che consentono di fare una analisi della condizione del bambino può aiutare a fare la cosa giusta e magari risolvere con poche e semplici manovre. La consapevolezza di creare attorno al bambino uno spazio di sicurezza che lo protegga da oggetti pericolosi che possono essere inalati o ingeriti, riconoscere che alcuni alimenti devono essere proposti nella giusta modalità di taglio possono ridurre drasticamente il numero di casi di morte nei bambini per soffocamento”.

L’associazione Orsara Soccorso ringrazia Don Rocco Malatacca per la gentile concessione della sala San Francesco, Vincenza Buonassisi per l’apporto gratuito offerto per la realizzazione dell’evento, le “sorelle adottive” Cipriano dell’associazione per i dolcetti preparati e non da ultimi ma in primis le mamme, i papà ele nonne presenti che hanno sentito forte la responsabilità della conoscenza come atto di amore verso i propri piccoli. 

“C’è soprattutto il cibo all’origine delle ostruzioni letali – continuano i membri dell’associazione Orsara Soccorso -. Solo nel 25 per cento dei casi ci sono dei giocattoli. Ma la legislazione prevede sempre le avvertenze nei giochi: “il divieto ai bambini di meno di 36 mesi in caso di presenza di parti piccole e l’obbligo alla sorveglianza di un adulto”. Ovviamente non basta visto che nel 60 per cento dei casi di soffocamento di un bambino è presente un adulto ‘sorvegliante’ che, però, non sa intervenire. Da qui la necessità di promuovere la conoscenza delle manovre di disostruzione.

» ECCO LE FOTO DELL’EVENTO

 

Commenti

comments

Lascia un commento