FOTO | Roscigno Vecchia, il paese con un solo abitante. Ecco l’incredibile storia e le stupende immagini di Antonio Ferolla


Oggi vi raccontiamo una storia che ha dell’incredibile, e lo facciamo grazie al contributo dell’amico Antonio Ferolla, un bravissimo  fotografo di Santa Barbara di Ceraso, in provincia di Salerno. Vi riportiamo le sue parole e, soprattutto, le meravigliose immagini che ha pubblicato sulla sua PAGINA FACEBOOK.

“Mercoledì 15 marzo 2017 in una calda giornata d’inverno ho spento pc, ho preparato un panino e sono partito per Roscigno Vecchia, un paese abbandonato, un posto dove ho sempre desiderato di andare ma per mancanza di tempo ho rimandato.

Circa un’ora e trenta minuti di viaggio compresa la sosta per il panino, non conoscevo la zona, arrivato a Piaggine mi sono affidato al navigatore ma nulla, mi ha condotto in una strada franata, cartelli stradali di Roscigno quasi inesistenti, ma piano piano sono arrivato.

Ho parcheggiato la macchina, sono sceso, mi sono guardato intorno un silenzio, un mucchio di case abbandonate, solo il cinguettio degli uccelli, sembrava di stare in un film.

Di colpo un rumore di una finestra, mi giro e affacciato ci stava questo signore, Giuseppe Spagnuolo, un forte impatto, mi sono avvicinato, lui mi chiede di dove sei, io rispondo quasi emozionato.

Mi accoglie nella sua casetta, non descrivo l’ambiente perché consiglio a tutti di fare un salto e vedere con i proprio occhi, anche se di questi splendidi paesi del sud, come diceva Steinbeck non bisognerebbe parlare perché diventano obiettivi da raggiungere da parte degli eserciti di vacanzieri che purtroppo lasciano segni e scie del loro passaggio.

Ci siamo seduti e lui ha raccontato parte della sua vita, una persona molto colta, io continuavo a guardami intorno, mi ha mostrato dei giornali, un mare di lettere e fotografie di tutti i visitatori da tutto il mondo.

Siamo usciti da casa e Giuseppe mi fa da guida in questo paese morto, facendo rivivere il passato di ogni casa nei suoi racconti, come se in quelle case ci fosse ancora vita.

Ho fotografato poco, forse questa è stata una di quelle poche volte che ho ascoltato di più, un giorno ritornerò a fotografare quelle case, quelle strade, quelle pietre che porterò sempre nel cuore, come i racconti di un passato che non dimenticherò mai.

ANTONIO FEROLLA PHOTOGRAPHY

» GUARDA IL VIDEO DI SEBASTIAN LINDA

Commenti

comments

Lascia un commento