FRANA, BERTOLASO SCRIVE A VIGOROSO. E PEPE SPIEGA: ‘A SETTEMBRE NUOVI INTERVENTI


Bertolaso scrive a Gianni Vigoroso. Una lettera di tre pagine, che stasera pubblicheremo, indirizzata personalmente al giornalista arianese per ringraziarlo dell’impegno profuso sull’emergenza frana di Montaguto e per illustrare nei dettagli quali saranno i prossimi interventi che la Protezione Civile Nazionale metterà in atto per risolvere definitivamente la vicenda. Il sottosegratario ha promesso inoltre di incontrare personalmente Gianni Vigoroso, che lo aveva caldamente invitato a tenere alta l’attenzione su Montaguto anche dopo la riapertura al traffico della statale 90 delle Puglie, evitando il ripetersi di un nuovo blocco… (CONTINUA ALL’INTERNO CON LA LETTERA INTEGRALE)

LEGGI LA LETTERA DI GUIDO BERTOLASO

Nello specifico, Bertolaso parla di "terza fase, ormai prossima, consta di progetti esecutivi per ulteriori opere di allontanamento delle acque superficiali e sotterranee, deviate alla destra e alla sinistra del corpo di frana, per la sistemazione definitiva dei fossi limitrofi, il Fosso Nocelle e il Vallone Tre Confini, al fine di realizzare un soddisfacente sistema di regimazione delle acque sul versante interessato dalla frana.
Nell’Ordinanza in via di emanazione, che darà il via ai progetti della terza fase, sono previsti anche contributi straordinari a titolo di parziale ristoro del pregiudizio economico subito dalle attività agricole, produttive e commerciali in conseguenza della riattivazione del corpo franoso negli ultimi anni".

Intanto, abbiamo raggiunto telefonicamente l’ingegner Angelo Pepe, per capire come sia attualmente la situazione: "Per il momento è buona. La frana è tenuta sotto controllo dai militari, che hanno sistemato un presidio fisso e che quotidianamente mantengono i franchi di sicurezza". Gli uomini impegnati sono circa una trentina e fanno parte dell’Undicesimo Reggimento Genio Guastatori di Foggia. "A settembre inizieremo gli interventi per mitigare il sistema franoso e saranno annunciati da alcune conferenze di servizi. L’unica, e più grande incognita, è rappresentata sempre dal maltempo. A ogni modo, mi sembra che la strada stia rispondendo bene, la zona è costantemente trafficata. Anzi, il flusso di auto e camion è superiore al previsto. E’ stato molto importante dare respiro alla zona".

Michele Pilla

2010-08-13 17:00:45

0

Commenti

comments

Lascia un commento