FRANA, CONFERENZA DEI SERVIZI: LE FOTO


Ecco le foto della conferenza dei servizi tenutasi presso la sala consiliare del Comune di Savignano lunedì scorso. Ricordiamo che  il progetto di messa in sicurezza definitiva della frana di Montaguto che la Protezione Civile ha esposto agli enti preposti è stato approvato all’unanimità. "Si tratta del completamento della fase progettuale – ha commentato a fine dibattito il dottor Nicola Dell’Acqua, responsabile ufficio rischi idrogeologici della Protezione Civile -. Abbiamo effettuato i lavori di somma urgenza, che consistevano nel togliere le acque dal corpo frana. Adesso occorre realizzare opere per stabilizzarlo". (CONTINUA ALL’INTERNO CON FOTO)

 FOTO DELLA CONFERENZA DEI SERVIZI A SAVIGNANO  L’ARTICOLO

Questi i tempi previsti: "Una trentina di giorni per l’appalto, mentre i lavori dureranno circa 60 giorni lavorativi. Non lavoreremo più H24". Il che significa circa tre mesi, tre mesi e mezzo solari. Spesa prevista, 9 milioni di euro, mentre il totale dei fondi Fas stanziati dalla Regione è di 19 milioni". Ottimismo per quanto concerne l’evoluzione della frana: "L’abbiamo rallentata di moltissimo, è quasi ferma. Si muove di meno di un centimetro al giorno, rispetto ai due metri e mezzo di aprile. Ma non abbassiamo la guardia". L’esercito, spiega ancora il dottor Dell’Acqua, resterà fino al 31 ottobre e continuerà a presidiare il piede frana. E la strada? "Quella toccherà alle amministrazioni. Noi abbiamo sistemato le infrastrutture, ora sono gli enti locali che debbono mantenerle". In ultimo, lo stato d’emergenza: "Lo chiuderemo quando verificheremo che le opere sono stabili e non ci sono più pericoli. In ogni caso, non durerà più di quattro mesi".
Altrettanto ottimista l’ingegner Angelo Pepe: "La frana non l’ho mai abbandonato, sono sempre stato qui. E posso dire che l’evoluzione è ottima. Abbiamo effettuato gli interventi a monte e il lago maggiore è stato completamente drenato. Tutto è stato rispettato".
Michele Pilla

2010-09-25 12:28:22

2

Commenti

comments

Lascia un commento