FRANA DI MONTAGUTO | Lunedì 19 aprile 2010, il Prefetto Blasco: «Camorra? Assolutamente no»

“Non vi è assolutamente nessun rischio camorra”. E’ inamovibile, Ennio Blasco. Nessuna infiltrazione nei lavori sulla frana di Montaguto. “Non ci sono segnali di ciò, sono sicurisssimo. Gli irpini non si sono lasciati abbindolare, anche perché c’è un’attività di controllo capillare. La battaglia è a favore della Pubblica Amministrazione”.

Il Prefetto di Avellino è certo di ciò che dice e smorza ogni parere contrario. Il riferimento è ovviamente legato alle notizie diffuse dai quotidiani di oggi. A dire il vero, c’è un fascicolo aperto dalla Procura della Repubblica nei confronti di Bruno Orrico, ex sub commissario delegato da Antonio Bassolino. Tra l’altro, c’è chi, come l’avvocato Giovanni La Vita, consigliere comunale di Ariano Irpino, parla di “omissione d’atti d’ufficio per la mancata messa in sicurezza”.

Blasco risponde: “Non conosco gli atti d’indagine – prosegue Blasco –. Dal 2006 mi sono sempre occupato della frana e le autorità della Regione hanno sempre messo in conto gli interventi che credevano giusti. La frana è molto vasta, non è facile lavorarci. La Regione ha fatto ciò che riteneva giusto secondo il parere dei tecnici”. Dunque, è deciso, Ennio Blasco. Guai a parlare di camorra. Eppure… Insieme al collega Tonio Tondo, abbiamo dato una spulciatina alle carte e alle cifre. E ne è venuta fuori una sorta di cronistoria economica che lascia alcuni dubbi. Ecco il pezzo.

» LEGGI IL PEZZO SULLA CAMORRA

Commenti

comments

Lascia un Commento