VIDEO C.58 | Frana di Montaguto, ieri e oggi un seminario e una visita tecnica: ecco il programma


GUARDA IL SERVIZIO VIDEO DI A. VALENTINA BRUNO PER CANALE 58

Si è svolto ieri il seminario e si terrà oggi una visita tecnica dedicati agli interventi strutturali e non strutturali realizzati in seguito alla riattivazione – nel marzo 2010 – della frana di Montaguto, in Provincia di Avellino. Si tratta di un movimento franoso di oltre 3km di lunghezza, con una superficie di oltre 670.000 m², un fronte di circa 400 metri e un volume superiore ai 10milioni di m³ di terra.

I due appuntamenti si rivolgono ai tecnici (liberi professionisti o dipendenti pubblici) che operano nei settori della pianificazione territoriale, delle opere pubbliche e della protezione civile: il seminario si svolgerà il 18 giugno a Savignano Irpino presso l’Auditorium (via Nazionale 73); la visita tecnica si terrà il 19 giugno con incontro preparatorio alle ore 9 presso la Sala Convegni Montaguto (via delle Sorgenti).

La frana di Montaguto, in movimento dal 2006, si riattivò nel marzo del 2010 a causa di piogge incessanti: il coordinamento per la messa in sicurezza dell’area e il contenimento della frana (che causò l’interruzione dei collegamenti ferroviari per la Puglia da Napoli e da Roma) fu affidato alla Protezione civile. Da allora la velocità della frana viene monitorata grazie a un sistema integrato che consente di misurare gli spostamenti superficiali del dissesto e di programmare gli interventi per la messa in sicurezza dell’area e delle infrastrutture coinvolte. Questo sistema acquisisce continuamente i dati elaborando un’immagine radar ogni 4 minuti e permettendo così il monitoraggio in tempo reale del dissesto.

“L’impatto della frana di Montaguto – spiega il DPC – con l’interruzione di fondamentali arterie di collegamento tra le Regioni Campania e Puglia, quali la SS 90 e la ferrovia Napoli-Bari, ha portato alla dichiarazione dello stato di emergenza, chiuso nel 2012. Durante il periodo emergenziale sono stati realizzati dal Commissario Delegato / Capo Dipartimento della Protezione Civile,  studi, indagini, monitoraggi e interventi sulla frana che hanno consentito di riaprire in tempi rapidi le due infrastrutture e di ridurre sensibilmente, fino a livelli accettabili, il rischio connesso con la frana. Gli studi multidisciplinari condotti dai Centri di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile hanno permesso di comprendere la complessità del fenomeno, di monitorarne costantemente l’evoluzione, di progettare gli interventi di mitigazione e di verificarne l’efficacia in corso d’opera, anche nell’ottica della sicurezza dei lavoratori impiegati nei cantieri”.

All’evento  intervengono tecnici del Dipartimento della Protezione Civile, della Regione Campania e dei Centri di Competenza che hanno operato sulla frana, con l’obiettivo di fornire un quadro completo sulle attività di studio e monitoraggio, sulle linee progettuali, sull’affidamento e la conduzione dei lavori e sull’efficacia delle opere di mitigazione, cercando di descrivere un modello di intervento rivelatosi efficace e replicabile, nelle grandi linee, anche su altri fenomeni franosi di tipologia e dimensioni analoghe a quelle di Montaguto.

Le giornate formative sono organizzate dal Dipartimento della Protezione Civile in collaborazione con Regione Campania, Consiglio Nazionale dei Geologi, Consiglio Nazionale degli Ingeneri, Comunità Montana Ufita – Ariano Irpino, Comune di Montaguto e Comune di Savignano Irpino.

Il Consiglio Nazionale dei Geologi e il Consigli Nazionale degli Ingegneri hanno riconosciuto, per la partecipazione all’evento, l’attribuzione di crediti formativi secondo il proprio regolamento: maggiori informazioni sulle modalità di iscrizione all’evento sono disponibili sui relativi siti.

A questo link la storia della frana di Montaguto dal 2010: http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/montaguto_idrogeologico.wp

pallinoverde CLICCA QUI E SCARICA IL PROGRAMMA DEI DUE GIORNI

Commenti

comments

Lascia un commento