FOTOGALLERY | Frana, incontro tra l’Onorevole Salvatore Tatarella e il commissario Mario De Biase


“La situazione è certamente più drastica di quanto avevamo immaginato”. Ha voluto rendersi conto di persona della gravità della situazione, l’europarlamentare pugliese Salvatore Tatarella, come esternato sul suo portale web, al fine di promuovere ogni utile iniziativa per la velocizzazione dei lavori.

E così, questa mattina, al bivio di Montaguto, si è recato personalmente per incontrare il commissario per l’emergenza frane in Campania, Mario De Biase. Insieme a lui, Giandiego Gatta, neoconsigliere regionale nonché commissario straordinario del Parco Nazionale del Gargano, e Orazio Schiavone, segretario Provinciale IDV di Capitanata e neoconsigliere provinciale. Presenti anche Antonio Volpe, Antonio Membrino, presidente del comitato frana e alcuni esponenti del comune di Montaguto…

“Bisogna coinvolgere l’Unione Europea. Per il momento, però, ciò che possiamo fare e che dobbiamo fare è un’ordinanza con cui si chiedono poteri straordinari al Governo, ma soprattutto ora più che mai serve collaborazione e sinergia fra Regione Campania e Regione Puglia”.

Mario De Biase ha ribadito la necessità di un nuovo sito di stoccaggio. “Complessivamente per migliorare la situazione ai piedi della frana si dovrebbero trasportare via dalla zona interessata 700mila metri cubi di terra, e l’attuale terreno utilizzato ne raccoglie all’incirca 300mila, mentre un possibile secondo sito su cui ci si sta soffermando e che si trova all’incirca al 41 km della statale ne accoglierebbe altri 100mila. Ed è necessario soprattutto lo stanziamento di almeno altri dieci milioni di euro. Vedo ampia disponibilità da parte del comune di Montaguto ma ostracismo da parte del comune di Savignano. Se le cose vanno avanti così, mi vedrò costretto a chiedere lo sgombero delle famiglie che vivono in zona”, ha aggiunto con rammarico.

“E’ un vero disastro ambientale ed economico, che ha sicuramente penalizzato l’economia locale”. Queste le parole del consigliere regionale Gatta, che si occupa anche del Parco Nazionale del Gargano. Parla invece di un progetto presentato al governo qualche tempo fa, Orazio Schiavone: tale documento prevedeva lo stanziamento di 25 milioni di euro per la costruzione di una galleria, ma tale somma venne utilizzata poi per i lavori del ponte di Messina.

Anche il signor Membrino, che da anni si occupa della frana quale promotore di un comitato da cui prende il nome, ha sottoscritto un dettagliato esposto alla Procura Della Repubblica.

Da parte nostra non possiamo che attendere con fiducia questa soluzione. Probabilmente, da adesso in poi qualcosa si farà, perché il problema oggi non coinvolge solo le poche famiglie in zona o gli abitanti, comunque con scarso rilievo numerico, di Montaguto e Savignano; la frana adesso ha coinvolto qualcosa di molto più rilevante: i collegamenti ferroviari di mezza Italia.

Monica De Mita
2010-04-10 17:17:21

» GUARDA LE FOTO DELLA NOSTRA MARIANNA DE MITA

Commenti

comments

Lascia un commento