Frana, ricordi di un montagutese che oggi è in Canada


Ripercorriamo il periodo di liberazione dalla frana. Correva l’anno 2010. Ecco la lettera di Minguccio Del Core del 23 aprile di sei anni fa.

Da oggi Montaguto.com propone una serie di racconti legati alla frana. Come tutti sapranno, infatti, questo movimento di terra non è cosa recente. Quarant’anni fa e oltre, la preoccupazione dei montagutesi era già in fase avanzata. In tanti, poi, come il nostro Minguccio, andavano a pescare al laghetto Francalanza, che adesso non c’è più. Ebbene, abbiamo aperto un topic nel forum dove ciascuno può raccontare le proprie avventure e i ricordi legati a Contrada Pannizza. Potete anche scrivercela via mail, all’indirizzo: materiale@montaguto.com. Intanto, eccovi il racconto di Domenico “Minguccio” Del Core, montagutese emigrato in Canada.

“Da lontano è difficile capire cosa sta succedendo a Montaguto, ma un po’ di immaginazione ce l’ho anch’io. La via Nuova (via Rotabile, ndr) è chiusa, la ferrovia è tagliata fuori e il torrente Cervaro sarà la prossima vittima. E’ da parecchio che manco da lì, ma mi fa uno strano effetto. Ti chiederai perché…”

Questa frana non ha iniziato a muoversi quattro anni fa, è da tanto tempo che cammina pian piano. Io non sono esperto di nulla, però ricordo quando ero bambino, avevo otto o nove anni, e andavano a zappare a contrada Pannizza con mamma, la signora Raffaella e altre donne e già si diceva che un giorno, dove c’era il laghetto alla curva di contrada Pannizza, sicuramente una frana si sarebbe portata via il lago e tutto il resto. Quel giorno sembra sia arrivato. Sono passati tanti anni, quasi una quarantina. Non ricordo quante volte sono andato a pescare in quel laghetto, ma ogni volta che ci sono stato pensavo con terrore al fatto che la terra avrebbe iniziato a muoversi. La terra non si è mai mossa, ma quello che dicevano gli anziani si è avverato. Forse qualcuno dirà: “E cosa importa della frana a te?”

Già, forse hanno ragione, a me non fa né caldo né freddo. Ma la via Nuova chiusa e la stazione che non funziona mi fa male, perché mi fanno ricordare di quando andavo a scuola a Foggia.
Al mattino prendevo l’autobus, alle cinque e mezzo, andavo alla stazione e prendevo il treno per Foggia. Che caos, in quei vagoni, con gente di Greci, Savignano, Panni, Ariano, Orsara, Bovino e tutti i paesi intorno. Mi sono fatto tante amicizie. Là trascorrevo le ore più belle della mia giornata. A 14 e 15 anni cerchi proprio quello. Che bei ricordi! Quanto ti allontani dal tuo paese natìo, ti resta solo la memoria.

Ora sono seduto qua, al mio pc, e quello che vedo su Montaguto.com mi fa arrabbiare, solo a pensare che forse questi ragazzi, com’eravamo noi tanti anni fa, non possono più andare a scuola a Fioggia e trascorrere un po’ di tempo con gli amici al mattino. Ora non c’è nessuno che può dirti se gli amici tuoi sono buoni o no. All’epoca, mamma e papà non venivano con noi. Massima libertà. Che memoria. Spero che risolvano questo maledetto problema, presente già all’epoca. Sono sicuro che non sono il solo a conservare questi ricordi. I giorni passati sono lontano, ma i ricordi non sono lontani. Non so più cosa dire perché tutto questo mi fa venire un groppo in gola persino lacrime agli occhi…

Domenico Del Core
Il montagutese lontano

– LETTERA IN DIALETTO MONTAGUTESE –

Da luntan e difficl a capi` che stac succ’den a Mntaut, ma nu poc d’magginazion la teng pur ij. La via Nov stac chius, la frruij e tagliat e Crvar sara` lu prossm. E tant tiem cha c’mang da la, pero` m’fac nafett stran e tu dic P’cche`? Sa Fran n’n habbiat a movers quatt ann fa`, e da tanta tiem cha cammin chian chian. Ij n’so easpert d’nient, pero` m’ricord quann er chriatur, di ott o nov ann, e iijemm a zappa lu grandien ando` li Figl D’Sist a L’appanizz chu Mamm, Raffilucc Fich Fich e ade femmn, gia` s’parlav cha nu ijurn ando` stev lu lagett a la curv d l’appanizz er s’cur cha la farn s’purtav lag e tutt. Quier ijur arrvat, a com m’par. Song paricchij’ann, quas na quarantine. N’m’ricrd quanda vot agg iut a p’sca` dint a quir lagett , ma ogn vot cha agg stat pensav e m’facev paur che s’abbiav a mov la terr. La terr  n’se maij moss, ma quer che dicev li viecch’ e arrvat. Forse quaccherun dic “E che t’n freg d’la fran a te?” e fors ann ragion, a me n’m fac ne call e no fried. Ma chu la Vianov chius e la Frruvij cha n’funzion m’ fac na cos n’gann p’cche` m fac rucurda` quann ij iev a la schol a Foggij. A la mattin priest pigliav lu Pullman, a l’cinquh e mezz, iev a la stazion e pigliav lu tren cha ijiev a Foggia. Che casin dint a quier tren, Mntautis, Richjsch, Savignanis, Pannis, Arianis, Orzaries,Buvnis e tutt quier’at pais da la viccin.La agg fat tant`amic. La passav l’megl’or d’la ijurnat. A 14 e 15 ann quer vaij truenn. Che memorij. Quann t’a’luntan da lu paes native t’ruman’n sul l’memorij. Mo steng asstat` qua vicin a sta computer e quer cha ved sop a Mntaut.com m’fac vini` quas na raggia sul a pensa` cha fors queer Uagliun com ame d’tant ann fa`, n’puonn chiu ij a la schola a Foggia e passa` nu poc d’or chu l’amic a la mattin ando` n’c’stac nsciun cha t’pot dic si l’amic tuij so boun o no. Patr e Mamm n’vnevn chu nuij. Liberta` a massim. Che memorij. Ij sper cha l`aggiustn su cazz d problem cha ha stat la da tant ann.  Ij song sicur cha n’song sul ij chu st’cazz d’memorij. Li ijurn passat song luntan, ma l’memorij n’stann luntan. N’sacc chiu cge dic p’cche` m’fac vni lu mal n’gann e iescn pur doij lacrm.

Mngucc Lu Cor
Lu Mntautes Luntan

2010-04-23 09:51:42

Commenti

comments

Lascia un commento