Frana SS90 lato Orsara, aggiornamenti: permane la chiusura. Poteva essere una tragedia


Poteva essere una tragedia, quella occorsa all’uscita della galleria sulla SS90 in direzione Napoli a Orsara di Puglia, dove ieri un muro è crollato improvvisamente sulla strada. Fortunatamente nessun auto, mezzo pesante o pullman si è trovato di passaggio in quel momento sul lato della carreggiata interessato dalla pioggia di pietre. Una strada che soprattutto la domenica è attraversata da ciclisti e centauri.

Siamo al confine tra Campania e Puglia e a poca distanza dalla maestosa frana di Montaguto, che fortunatamente nonostante le incessanti piogge di queste ore non sta arrecando eccessive preoccupazioni, pur essendo sempre in movimento. Ma le acque grazie all’ottimo lavoro degli anni scorsi ad opera della protezione civile stanno defluendo regolarmente nel torrente Cervaro.

Questi gli aggiornamenti odierni dell’Anas.

Permane la chiusura al transito della statale 90 “delle Puglie” tra il km 48,300 e il km 54,200, a Orsara di Puglia (FG), attivata questa mattina in seguito al movimento franoso che ha interessato la carreggiata in prossimità dell’imbocco della galleria “Orsara”, a poca distanza dal confine regionale con la Campania.

La limitazione resterà in vigore fino al completamento delle verifiche tecniche sul versante e della messa in sicurezza.

Percorso alternativo per i veicoli con peso inferiore a 3,5 tonnellate: il traffico proveniente da Napoli/Benevento diretto a Foggia è deviato in uscita allo svincolo di Orsara di Puglia (km 48,320) con prosecuzione sulla SP123 per Foggia. Percorso inverso per la viabilità in direzione Napoli con uscita obbligatoria allo svincolo in località Giardinetto e prosecuzione sulle SP106 e SP123.

Percorso alternativo per i veicoli con peso superiore a 3,5 tonnellate: i mezzi pesanti provenienti da Foggia in direzione Napoli sono deviati in uscita allo svincolo di Bovino con successivo indirizzamento per la A16.

Per i mezzi pesanti diretti a Foggia uscita obbligatoria allo svincolo di Grottaminarda (AV) e prosecuzione per la A16.

Infine, per i mezzi pesanti provenienti da Benevento (SS90 bis) in direzione Foggia il percorso alternativo prevede la svolta sulla statale 90 “delle Puglie” (al km 37,460), uscita allo svincolo di Grottaminarda e prosecuzione per la A16.

Ieri sul posto, insieme al sindaco di Orsara Tommaso Lecce c’erano anche Marcello Zecchino e Fabio Della Marra, insieme ai carabinieri del comune foggiano e di Savignano Irpino. L’Anas di Foggia ha disposto percorsi alternativi lungo la statale 90 delle Puglie. Al momento la circolazione è interrotta sia in direzione Napoli che Foggia.

Il deputato Generoso Maraia ha interessato della questione il prefetto di Avellino Paola Spena e i vari organi competenti in materia al fine di sollecitare l’Anas all’immediata messa in sicurezza del costone e ripristino della viabilità. “Intervento di ripristino – fa sapere Maraia – che non è possibile eseguire nell’immediato a causa delle insistenti piogge. Occorre rimuovere le macerie e ripristinare almeno un senso unico alternato. Questa è stata la mia richiesta. Va ricordato che sono numerosi i pendolari che dall’irpinia si recano ogni giorno nel foggiano come pure il traffico dei mezzi pesanti. Ho investito della questione direttamente l’amministratore delegato e direttore generale di Anas Massimo Simonini.”

E sulle criticità ben note della statale 90 delle puglie a prescindere dall’evento di oggi, vi è una nuova lettera diffida indirizzata ai dipartimenti Anas di Napoli e Bari da parte del consigliere comunale di Greci Carmelo Cicchella: “In qualità di legittima posizione di residenza ed amministratore della Comunità di Greci ha segnalato in più occasioni lo stato di degrado in cui versa la statale 90 delle Puglie e in riferimento alla manutenzione ordinaria della stessa spesso assente che hanno più volte messo in evidenza l’inutilità di un’opera di rattoppamento, con asfalto a freddo, che non riguarda solo alcune buche ma interi tratti.

I disagi che ogni giorno i cittadini, le attività commerciali presenti in loco vivono sulla propria pelle sono drammatici e non più tollerabili da chi detiene il relativo potere decisionale in merito. A parere di chi scrive, come da oppugnabili eventi portati a corredo il tutto è dovuto alla cattiva gestione della manutenzione stradale.

» IL SERVIZIO VIDEO DI GIANNI VIGOROSO PER OTTOPAGINE

Seguici sui social e metti mi piace!

Commenti

comments

Lascia un commento