FRANA, STAMANE CHIUSA E POI RIAPERTA LA SS90. IERI NOTTE IL TERRENO SI E’ MOSSO


Ancora un movimento. E stavolta, non c’è stato bisogno della pioggia. E dire che, nella notte, il nostro Antonio Drastiko Ricci stava transitando proprio da quelle parti. Per fortuna, il movimento c’era già stato, altrimenti… "La terra si era riversata sulla strada, ma quando sono arrivato era già successo", ha commentato. Già, in caso contrario, sarebbe stato problematico passare. Questa mattina, la bretella è stata chiusa per un breve periodo, salvo poi essere nuovamente riaperta

Successivamente, alla pompa di benzina (chiusa da qualche tempo) dello scalo di Montaguto si è tenuta una riunione tecnica, cui hanno preso parte l’Autorità di Bacino di Bari, il Genio Civile di Avellino, la Protezione Civile e il Comune di Montaguto. Proprio in quell’area sarà sversata, in queste ore, la terra che si è accumulata ulteriormente. Tutto ciò, a meno di una settimana dall’ultima chiusura. Dunque, come ci aveva spiegato il professor Francesco Maria Guadagno, geologo dell’Università degli Studi di Benevento, la frana non ha bisogno della pioggia per muoversi, dato che ingloba già al suo interno anni di precipitazioni. Sembra infatti che per ogni litro d’acqua al secondo si spostino 86 tonnellate di terra. E la frana contiene almeno una trentina di litri d’acqua. Domani vi proporremo un fotoservizio completo, grazie agli scatti della nostra Rosaria Carchia. Nel frattempo, vi proponiamo la situazione attuale (lunedì 8 giugno) e quella di soli due giorni fa.

2009-06-08 15:14:23

8

Commenti

comments

Lascia un commento