GRECI, IL SINDACO ZOCCANO SPIEGA: ‘LA SCUOLA DEL CERVARO SI PUO’ FARE, MA…’


La precisazione ci è arrivata via telefono. Il sindaco di Greci, Bartolomeo Zoccano, ci ha contattati direttamente per una precisazione obbligatoria. "Non ho mai dato forfait, per me la ‘Scuola del Cervaro’ si può fare. Però non è vero quello che avete scritto…" Gli chiedo a cosa alluda e lui replica: "Ho letto l’articolo sulla scuola (LEGGI QUI), dove dicevate che Greci mancava all’appello e darebbe forfait per il progetto e la cosa mi ha infastidito. Non è così".

Montaguto.com tiene a precisare che nulla di quanto è stato scritto nell’articolo corrisponde a falsità. Questo, per un concetto di correttezza che ci appartiene. Chiediamo lumi al sindaco Zoccano, che spiega: "Il 23 febbraio, alle 11.30, tenemmo un primo incontro a Savignano per risolvere la questione con l’assessore provinciale Del Mastro, per capire come risolvere la mancanza di alunni per accorpare qualche plesso. Eravamo presenti noi tre sindaci del Cervaro (Andreano, Ciasullo e, appunto, Zoccano) e i dirigenti degli istituti di Ariano (Covotta), di Camporeale e del Calvario. In quell’occasione – prosegue il primo cittadino di Greci – dissi che mi sta bene realizzare un istituto accorpato e farlo allo scalo di Savignano, ma dobbiamo agganciarci alla salvaguardia della lingua. A Greci abbiamo la lingua Arbreshe, siamo una minoranza linguistica riconosciuta dal ministro dell’Istruzione, Gelmini, e questo fatto va preservato. E’ una nostra peculiarità".

Perfetto, ma quello che avevamo scritto riguardava la riunione di Montaguto e non di Savignano. Il sindaco, però, ribadisce che per lui non ci sono problemi: "Per poter arrivare a un risultato, dobbiamo ancorarci a questa peculiarità nostra. Altrimenti saremo aggregati a Campomarino, Chieuti e altre minoranze linguistiche. Preferisco naturalmente che si accorpino le scuole dei tre comuni del Cervaro". Infine, conclude Zoccano, "non è vero che la scuola farebbe parte dell’Istituto Covotta di Ariano Irpino". Cosa che, invece, è emersa nell’incontro di Montaguto. Allora con il consueto spirito costruttivo, personalmente e a nome dei redattori del giornale, ci auguriamo che questo "equivoco" venga presto risolto e che la situazione volga al meglio, soprattutto per far sì che sia la Valle del Cervaro a guadagnarci.
Michele Pilla

2011-03-04 17:32:25

0

Commenti

comments

Lascia un commento