INCENDIO DOMATO | Situazione tranquilla a Montaguto, gran lavoro di Vigili del Fuoco e Antincendio di Ariano. E la pioggia pulisce l’aria

Finalmente è finita. Alle ore 17 anche l’ultimo focolaio, sulla SP26, al chilometro 6, è stato spento. Il terribile incendio che questa mattina ha tenuto in scacco Montaguto è stato domato. Adesso restano soltanto boschi anneriti, un filo di fumo nell’aria e tantissima rabbia nei cittadini verso un gesto scellerato, cretino e folle.

Il servizio Antincendio di Ariano Irpino della Comunità Montana dell’Ufita e gli uomini dei Vigili del Fuoco di Grottaminarda e Avellino hanno avuto un bel da fare, dalle ore 13, quando sono giunti in paese. E hanno operato senza sosta fino alle 17. Pochi minuti dopo è giunta anche la pioggia – poteva arrivare prima! – che adesso pulirà un po’ l’aria e spegnerà anche gli ultimi residui di fumo.

Ce la siamo vista davvero brutta, in paese, molto brutta. Riavvolgendo il nastro, quando alle ore 11.30 sono arrivate le primissime segnalazioni di cittadini che avevano visto un piccolo rogo sulla via Nova, la S.P.26, dopo aver chiamato il servizio antincendio sono partiti i primi rudimentali e provvidenziali interventi da parte dei montagutesi, che si sono armati di secchi d’acqua, pale, estintori e pompe e hanno cercato di circoscrivere l’incendio, riuscendovi. Con un vero e proprio miracolo uomini e donne del paese hanno impedito che le fiamme avvolgessero le abitazioni di via del Censimento – le case popolari – e quelle all’inizio della via Nova.

Tra la vegetazione in fumo anche il sindaco Marcello Zecchino, subito allertato dai residenti.

Poi sono giunti due mezzi del servizio antincendio della Comunità Montana dell’Ufita da Ariano Irpino, insieme ai vigili del fuoco di Grottaminarda e di Avellino e i carabinieri. Due squadre di operai dell’Enel di Ariano sono accorse immediatamente in paese per la verifica dei cavi della linea aerea nelle adiacenze dell’incendio. Messa in sicurezza la zona alle porte del paese, i mezzi di soccorso si sono spostati verso il ponte di Sofia. Altri focolari sono stati localizzati in via Sorgenti e ancora sulla via Nova – come vedete in una delle dirette che abbiamo realizzato in questa folle giornata.

Come detto, resta l’amarezza e tanta rabbia. Adesso bisognerà fare la conta dei danni, una conta nella quale, per fortuna, non sono annoverate persone o case.

» IL SERVIZIO DI GIANNI VIGOROSO PER OTTOCHANNEL TV

 

» LE NOSTRE VIDEODIRETTE DI OGGI

» LE FOTO DI QUESTA MATTINA

Commenti

comments

Lascia un Commento