‘LA PAROLA AI LETTORI’, QUANDO INTERNET DIVENTA IL MIGLIOR AMICO DELL’UOMO


Fa scalpore la notizia di questi giorni secondo cui Facebook, i social network e comunque qualsiasi forma di socializzazione instaurata attraverso l’uso di internet sia causa di separazioni e divorzi. Il nostro sito attraverso i propri forum ha fatto conoscere persone diverse fra loro per età, sesso, vedute e localizzazione urbana.

Tutte accomunate dall’amore per un paese, quale è Montaguto vissuto da pochi e forzatamente abbandonato da altri per motivi di lavoro, studio e necessità varia. Persone che comunque lo portano nel cuore e che proprio grazie ad internet possono sentirlo vicino. A distanza di molti anni ci risulta che i rapporti interpersonali degli iscritti, che di consueto visitano il nostro sito, continuino a gonfie vele. Ci siamo sentiti in qualche modo chiamati in causa ed è per questo motivo che abbiamo deciso di  proporre e sperimentare una nuova rubrica che coinvolgerà non solo noi che abitualmente scriviamo per Montaguto.com, ma anche voi che leggete e magari vorreste interagire maggiormente. Nasce così “La parola ai lettori”, questo il nome della rubrica e voi ne sarete gli artefici con opinioni, punti di vista ed esperienze personali che man mano saranno oggetto di un’inchiesta che vi proporremo. La prima riguarda appunto “Pro e contro dei social network”. Cominciamo con il mio parere personale affinchè sia da stimolo ed incoraggiamento a voi tutti.
Vi racconto la mia esperienza personale.
Mi sono sposata poco più di dieci anni fa e per venticinque anni ho vissuto in città. Ero abituata a vedere gente, a dare il buongiorno a chiunque incrociassi con lo sguardo. Alla mia dirimpettaia, se ci trovavamo a respirare una boccata d’aria fresca sul balcone. Al condomino se, scendendo le scale, lo incontravo. Mi bastava stare alla finestra della cucina per vedere i ragazzi e le ragazze giocare a calcetto o a pallavolo nel campetto della chiesa. Nonostante i miei genitori fossero molto severi in quanto a educazione c’era vita intorno a me. Subito dopo il matrimonio invece mi sono trasferita dove tutt’ora vivo. A Montaguto, ma in località taverna. In pratica, in campagna dove, è vero, si respira aria pura, ma di gente per socializzare neanche l’ombra. Mi sentivo spaesata e inizialmente mi mancava persino il rumore delle circolari che passavano sotto casa o dei rintocchi delle campane, avendo la Chiesa proprio dietro la mia vecchia casa. Passavo le giornate in completa solitudine perché il mio maritino comunque lavorava. E’ stato davvero difficile. Pian piano conoscevo gente, ma quando non vivi nel paese non hai il tempo materiale per approfondirne la conoscenza. Dopo qualche anno ho comprato il pc e la prima cosa che ho fatto è stata avere una posta elettronica. Un giorno ho saputo dell’esistenza di Montaguto.com e da allora sono parte attiva del sito. Ho avuto la possibilità di conoscere Michele e di farmi conoscere, prima da lui e poi, grazie alla fiducia concessami dal mitico webmaster, anche da chi leggeva le notizie sul sito. E’ stato il mio primo approccio alla socializzazione virtuale. Da lì a breve è arrivato Facebook. Inizialmente ero scettica anche io ma poi, una volta iscritta, ho capito che bastava scegliere specifiche impostazioni sulla privacy per non essere “spiata”da chiunque. Ho deciso io chi contattare e da parte di chi accettare le richieste di amicizia. E se qualcuno a lungo andare non mi garba, basta un click per annullarlo tra i miei contatti. E’ stato grazie ad internet, e più nello specifico grazie al social network, che ho ritrovato buona parte dei miei vecchi compagni di classe. La mitica 5F dell’ITCM Giannone si è andata man mano riformando. Alcuni mancano all’appello (da me ricordato tuttora a memoria), ma d’altronde non si può pretendere tutto dalla vita. Quando ci lasciammo nel lontano 1994 i telefonini ancora non c’erano o per lo meno non erano alla portata di tutti. Le nostre vite si sono bruscamente separate. Ognuno ha preso la sua strada ed in pochi sono riusciti a mantenere i contatti. Ci è voluto internet per rincontrarci e per organizzare una bellissima rimpatriata il 27 dicembre scorso. Quale occasione migliore? Molti sono tornati a Foggia per le vacanze natalizie e con un po’ di messaggi di gruppo su Facebook ce l’abbiamo fatta. Un’emozione indescrivibile incontrare Angela, Tatiana, Carmela, Gianni, Giampaolo, Nicoletta, Carmen, Giuseppe, Gaetano, Tiziano, Paola e Fabio. Uguali ma diversi. Non più studenti ma mamme, lavoratori, lavoratrici, imprenditori. C’è stato anche chi ha sbancato alla trasmissione serale di Raiuno “Affari tuoi”. Come fare a non essere favorevole ai social network o a tutto ciò che può essere l’uso corretto di internet? Basta vedere queste foto per capirlo. Io sono contenta e lo devo a Montaguto.com per avermi fatto conoscere Michele in primis, voialtri e per avermi fatto legare sempre più alla mia sorellina. Lo devo anche al social network per antonomasia che mi ha dato la possibilità di riallacciare rapporti che altrimenti sarebbero stati un capitolo, sì bello della mia vita, ma ormai letto e accantonato.

Monica De Mita

2011-03-18 00:37:49

3

Commenti

comments

Lascia un commento