LA PIOGGIA RALLENTA I LAVORI. SIAMO ANDATI ALL’INTERNO DELLA FRANA: LE FOTO


Maledetta pioggia. Due giorni ininterrotti di acqua hanno causato rallentamenti ai lavori. "La frana è scesa, piove ormai da quarantott’ore – ci dice il colonnello Ezio Bottoni, comandante del reggimento -. Un’ora di pioggia è ininfluente, due giorni invece…" Come si vede dalle foto, questa notte la terra, sul versante Greci-Savignano, è venuta giù. Questa mattina i militari sono tornati regolarmente al lavoro dopo una notte di pausa forzata e stanno provvedendo a rimuovere il materiale franoso per ripristinare le condizioni di due giorni fa… (CONTINUA ALL’INTERNO CON FOTO)

GUARDA LE FOTO SULLA SS90 E ALL’INTERNO DELLA FRANA

"Dalla massicciata alle torri faro non si è potuto lavorare come al solito – conferma l’ingegner Angelo Pepe -. Non abbiamo potuto utilizzare tutta la potenza di fuoco. Però abbiamo i margini assicurati, e anche se la terra scivola giù, riusciamo a recuperarla in breve tempo". Pepe quest’oggi sarà a palazzo Caracciolo, sede della Provincia di Avellino, dove alle ore 11 alla sala Grasso si presenta il progetto dell’Alta Capacità, che prevede il raddoppio della tratta Orsara-Apice. Tratta, questa, che interessa anche il passaggio per Montaguto. Sarà presente anche l’assessore regionale ai trasporti, Sergio Vetrella. "Non ho ancora visto il progetto – conclude Pepe -. Questo pomeriggio ne sapremo di più". E Montaguto.com vi terrà informati.
Intanto, siamo andati a fare un giro all’interno della frana, in corrispondenza del solco scavato a metà (quello che è possibile vedere chiaramente dalla Ciccotonno). Siamo arrivati, a piedi, fino al palo dell’Enel, dove i militari opereranno altre canalizzazioni. Attualmente è difficile muoversi, proprio perché il terreno è molto fangoso, ma nei prossimi giorni, ci ha assicurato il colonnello Bottoni, si proseguirà per completare la tratta transitabile coi mezzi.

Michele Pilla

Una foto del piede frana scattata dall’altezza del palo dell’Enel

2010-06-22 11:02:26

0

Commenti

comments

Lascia un commento