L’ASSOCIAZIONE ASTROFILI M13 DI MONTAGUTO E’ FINALMENTE DIVENTATA REALTA’!


Ne avevamo parlato esattamente un mese fa, lo scorso 7 gennaio. Il sogno, finalmente, è diventato realtà. E così, è ufficialmente nata l’Associazione Astrofili M13 di Montaguto. Costituita alle 11.15 di questa mattina, a darne notizia è stato il presidente e fondatore, Emanuele Marrone (nella foto, insieme a Giusy Anzivino): "Finalmente ce l’abbiamo fatta. Non è stato semplice completare tutto l’iter, ma c’è ancora più soddisfazione". Come mai il nome M13? "E’ il nome del primo ammasso stellare che ho visto in vita mia, a 13 anni. Non potevo non citarlo"… (CONTINUA ALL’INTERNO)

GUARDA LE FOTO DELLA SERATA TRA LE STELLE TELESCOPIO IN PIAZZA

L’associazione è costituita, oltreché da Emanuele, anche da Antonio Curatolo come vicepresidente, Maria Teresa Giorgio in qualità di tesoriere e Celestino De Michele e Gilda Zarrillo come consiglieri. Adesso, prossima mossa sarà anzitutto la divulgazione: "Faremo un po’ di volantinaggio nei paesi limitrofi e ci avvarremo della collaborazione di alcuni amici", ha spiegato ancora Emanuele Marrone.
L’idea dell’associazione fu lanciata lo scorso agosto da lui stesso, montagutese e appassionato di astroniomia, possessore di un telescopio Celestron, col quale la scorsa estate ha realizzato la prima ‘serata tra le stelle’ in paese (LEGGI QUI). Già da qualche anno Emanuele ha mostrato grande interesse per lo spazio, i pianeti e le stelle. Grazie a lui il 13 agosto 2010 Montaguto ha vissuto una serata unica nel suo genere: con il preziosissimo aiuto di Giusy Anzivino, un’amica montagutese che lavora come fisico presso l’università di Perugia e il Cern di Ginevra (e che porta in alto il nome di Montaguto), è nato un appuntamento che diventerà fisso nell’estate montagutese. Un evento unico nel suo genere, di quelli che al sud ce ne sono pochi, pochissimi, quasi nessuno, organizzato in brevissimo tempo e praticamente senza l’aiuto di nessuno. Emanuele e Giusy hanno di fatto creato dal nulla qualcosa che potrebbe durare nel tempo. Con la nascita dell’associazione, peraltro, si è dato vita a qualcosa che potrebbe far risaltare ancor di più il nostro paesello.
La passione di pochi anni si trasformerà nel sogno di una vita: quello di inserire Montaguto in un circolo che vanta migliaia di appassionati, gente con la testa fra le stelle ma di grande caratura. "L’anno prossimo proveremo a portare professori universitari ed esperti – ci disse Emanuele lo scorso agosto -, e magari giornalisti del settore. E poi Montaguto è perfetto per le osservazioni, ci sono zone dove regna il buio più assoluto. Alla montagna spaccata, ad esempio, a circa 1000 metri di altezza, possono essere sistemati fino a 300 telescopi".
In bocca al lupo da Montaguto.com!

Michele Pilla

2011-02-07 11:53:12

4

Commenti

comments

Lascia un commento