LE REPLICHE DI FAZIOSO E DI MIKEY AL CONSIGLIERE LEONARDO BRUNO


Il dibattito è vivace e prosegue. Tutto è partito da questo commento di Fazioso (LEGGI QUI), in merito alla situazione montagutese. Ha poi risposto, qualche giorno fa, Leonardo Bruno, consigliere comunale di Montaguto (LEGGI QUI). Ieri sono arrivate infine le repliche di Fazioso e di Michele Pilla. Ve le proponiamo di seguito. Va bene qualcuno vuole che io risponda ma il problema è che comincio ad aver paura dal momento che anche io sono oggetto di minacce.
Non era mia intenzione offendere nessuno, parlare di un personaggio di finzione e di film non mi sembrava così offensivo a fronte del clima reale che il giornalista descrive. Mi offende veramente che qualcuno possa pensare di intimorire tutti, cittadini, giornalisti e commentatori di forum, perché ancora una volta i toni usati sono proprio quelli che intimoriscono. Queste sono alcune delle espressioni usate dal giornalista Pilla Michele da aprile a novembre, cosa ne pensate?
22.11.2011 Mckel dic :
“Mi rincresce dirlo, ma Montaguto.com ferma qui le sue battaglie per il paese. Dopo cinque anni di insulti e veleni, personalmente dico basta. Cinque anni, di cui tre come presidente di Pro Loco. Cinque anni in cui abbiamo avuto diverse soddisfazioni, purtroppo accolte con astio e invidia. E allora basta.”
“Mando un messaggio agli amministratori: stappate il vostro champagnino, nu bellu ruot patan e p’pciell e tutt *****ent! Lu "giurnalist" si toglie dai piedi. La cosa più bella è sentire cose del tipo "Vai a vivere a Montaguto, solo così puoi capire cosa serve veramente nel paese" e "Che t n freg a te? Tu mic abbit qua?" e via discorrendo. C’è stata anche qualche velata minaccia – sì, minaccia -, di cui però non mi curo e, anzi, mi ci faccio anche una grassa risata.”
21.11.2011 Mckel dic :
Qualcuno – dal retaggio culturale pari a zero – si permise di dire che il sottoscritto "marca male". Orbene, tale persona neanche ebbe il coraggio di alzare il telefono e comunicarlo, bensì si permise di raccontarlo in giro e mandare ad "avvisare" il sottoscritto. Probabilmente anche stavolta ci sarà un attacco di tremarella. Vedremo come andrà a finire.
04.05.2011 Mckel dic : 
“E secondo voi, prendiamo ordini su cosa scrivere, come e quando? Addirittura, c’è qualcuno – dall’elevato retaggio culturale, che sa addirittura accendere un computer! – che si permette di dire che il sottoscritto "marca male". Orbene, tale persona neanche ha il coraggio di alzare il telefono e comunicarlo, bensì si permette di raccontarlo in giro e mandare ad "avvisare" il sottoscritto.”
Queste espressioni, non sono finzioni o prese da un film, sono vere,reali eppure per qualcuno va tutto bene.
Sentire che una persona subisce più di una  velata minaccia e che viene avvisata più di una volta di marcare male, può mai far piacere ?
Quando,la moralità, l’onore, il lavoro, la libertà del giornalista, per non dire altro, vengono manifestamente calpestati che cosa stà succedendo ?
Colgo l’occasione per augurare a tutti un buon Natale e rivolgere una  preghiera a tutti quelli che veramente possono, anche se non vivono a Montaguto, di impegnarsi con serenità e vera pace, non a  fare arrivare in paese altri soldi inutili (esempio: tettoia bocce ecc.),ma  a valorizzare il territorio (esempio: case, boschi, acque, strade,ecc.) e le  risorse umane (esempio: scrittori, artigiani,commercianti, mò c’ stac pur lù giornalist, ecc), cioè tutto quello che già c’è. Lì pais vcin ann saput fà e senza fa lì cretin campn tutt quant. Foooooooooooooooooooooooooooorrrrrrrrrrrza!!!!!!!!!!!!!!!!!! spero che qualche critica possa servire a far  muovere qualcosa e non a fare com s’ dic a muntaut lì filosf .
Questa invece la risposta di Michele Pilla:
Rispondo in merito a certe brutte voci che mi sono state riversate contro (poi scriverò le mie idee in merito a tutto ciò in un altro articolo). Orbene, Leo, come ti ho detto non mi piace adire le vie legali. Primo, perché mi ritengo superiore a certi "omuncoli". Secondo, perché non amo troppo i casini. Però ti dico che quello che ho scritto è tutto vero. Mi aspettavo, da parte di alcuni amministratori che SANNO, delle scuse. Che non sono arrivate. Invece, in più occasioni, come ho scritto, mi è stato chiesto esplicitamente: "Ma tu che cazz scriv?" Niente di nuovo, purtroppo.
Così come non sono nuove frasi rivolte a montagutesi che vivono lontani, e che tornano in paese durante l’estate o a Natale, frasi del tipo: "Vuij fur’stier spurcat lu paes" e "Cunzumat tutt l’acqua" e similari.
Inutile girarci intorno o far finta che non sia così. Purtroppo è così. E dire il contrario vuol dire solo prendersi in giro.
Per quanto attiene al mio lavoro da "giornalista" (lo scrivo così perché quando mi si nomina così a Montaguto spesso è ironico, nonostante il mio ampio curriculum possa testimoniare la validità dello svolgimento della mia professione, l’onestà intellettuale e l’idoneità a farlo) sono stato spesso denigrato. Non tanto perché il mio lavoro non fosse svolto bene, quanto piuttosto perché i denigratori non sono propriamente delle cime. E, ahimé, alcuni fanno parte dell’amministrazione comunale. Non ho fatto il tuo nome, non faccio nomi. Se intendi sentirti parte lesa, fa’ pure. Ma ti dirò una cosa: ne ho dovute sopportare tante, troppe, da parte di gente che ho contribuito, nel mio piccolo, a far eleggere. E dunque, per me, è una doppia sconfitta.
A ogni modo, credo anch’io che il signor Fazioso non intendesse mancare di rispetto a nessuno. Nel suo commento io ci ho letto tanta amarezza. Invece di prendersela per l’ironia cerchiamo di dare una svegliata a sto paese malato che rischia di vedersi staccare la spina. Reagiamo, sì, ma coi fatti! Dalla nostra ultima chiacchierata non vedo ancora nulla di nuovo. E non nascondiamoci sempre dietro alla mancanza di soldi… Le idee, i progetti e quant’altro dove diavolo sono???

2011-12-22 10:35:15

2

Commenti

comments

Lascia un commento