‘Michele Maria Spina, un eccellente innovatore’: su XD Magazine ritratto del Questore di Latina


XD Magazine, il giornale a vocazione territoriale diretto dall’amica Barbara Ciarcia, prosegue il certosino lavoro grazie a una redazione in piena attività. Quest’oggi vi proponiamo il ritratto di Michele Maria Spina

Da gennaio è questore di Latina. Napoletano fino al midollo, solide origini cilentane, Michele Maria Spina è una eccellenza della Polizia di Stato. Per anni ha ricoperto ruoli operativi apicali: dai commissariati di periferia di Acerra, Secondigliano, Scampia, alla direzione dell’U.P.G.eS.P. di via Medina e in ultimo, dopo la promozione a dirigente superiore, del Compartimento di  Polizia Ferroviaria per la Campania dove ha rivoluzionato, secondo il suo stile improntato all’originalità ed all’innovazione delle strategie di contrasto al crimine, i controlli all’interno delle maggiori stazioni campane con l’impiego di postazioni avanzate e desk per l’identificazione a campione dell’utenza.

Al suo nome sono legate le più importanti operazioni per lo smantellamento delle famigerate piazze dello spaccio nel rione popolare di Scampia, i controlli antistese alla Sanità e l’ideazione di ‘Aracne’, un sistema strategico per la prevenzione dei crimini più diffusi nel centro di Napoli, come scippi, borseggi, furti, rapine. L’obiettivo è condizionare il delinquente rendendolo vulnerabile ed inefficace. Se costretto ad allontanarsi dall’abituale zona di caccia il predatore-scippatore perderà copertura e riferimenti.

Otto giorni dopo l’inizio del nuovo anno si è insediato alla guida della questura di Latina, città strategica del basso Lazio, testa di ponte per gli affari delle maggiori organizzazioni criminali capitoline e quelle del napoletano e dell’area casertana e non solo. Il MOF, il mercato ortofrutticolo di Fondi, il più grande del centro-sud, è una ghiotta attrazione per la criminalità organizzata. Nell’agro pontino insiste ancora la triste piaga del caporalato e dello sfruttamento della manodopera straniera, quella del sub continente indiano innanzitutto. Michele Maria Spina ha le spalle larghe. E prima ancora di arrivare nel capoluogo della provincia italiana, nato ottantotto anni fa, in piena epoca fascista, ha studiato le maggiori problematiche e le dinamiche criminali di un territorio complesso. Il questore è un eccellente motivatore. E ne ha dato ampiamente prova nel corso della sua ultra trentennale carriera in Polizia svolta prevalentemente a Napoli, la sua città…

» CLICCA E CONTINUA A LEGGERE

Commenti

comments

Lascia un commento