MILITARI ORA SUL VERSANTE GRECI-SAVIGNANO. PEPE: ‘ERA PREVISTO, NESSUN PROBLEMA’


E’ stato effettuato ieri sera, alle 22.00, il passaggio di consegne tra la ditta Eurocostruzioni di Eugenio Pancione e i militari, che hanno preso posto nel cantiere sul versante Greci-Savignano. Come si evince dalle foto, scattate questa mattina, ci sono solo mezzi dell’Undicesimo Reggimento Genio Guastatori di Foggia. La ditta questa mattina ha completato il ritiro dei mezzi dal deposito terra al chilometro 42 della SS90. (CONTINUA ALL’INTERNO CON FOTO)

"Vorrei che restassero almeno fino alla riapertura della strada", disse qualche giorno fa Nicola Dell’Acqua, direttore ufficio rischi della Protezione civile. Riapertura prevista, a quanto sembra, per fine giugno. Di nuovo oggi, come il 2 giugno, è riapparsa anche per intero la bretella. Intanto, gli operai di Rfi hanno lasciato il cantiere, dunque tutto è in mano ai militari. Non c’è infatti più nessuna ditta che lavora al piede della frana.
"Nessuna smobilitazione, era tutto nei piani – ha detto questa mattina Angelo Pepe, coordinatore del DPC -. E comunque a me non risulta che ci siano stati problemi".
Piccola curiosità: con la liberazione del binario, molti camionisti pensano che si sia risolto il problema nel suo complesso. Qualche minuto fa un tir belga è arrivato porprio sotto al piede della frana e l’autista voleva proseguire. I militari però hanno messo una barra e sorvegliano la zona. Il tir ha effettuato una complicata manovra di inversione ed è tornato indietro.

Michele Pilla
(Si ringrazia il collega Gianni Vigoroso)

2010-06-09 09:54:35

0

Commenti

comments

Lascia un commento