MONTAGUTESI LONTANI | L’amica Jane Lewis dagli Usa: «Il lavatoio è proprio come me lo raccontava nonna Giovannina Andreano!»


Qualche giorno fa, sotto al video del lavatoio di Montaguto (GUARDA QUI) l’amica Jane Lewis ha postato un commento che ci ha davvero inorgogliti.

“Grazie mille! La mia nonna, Giovannina Andreano, parlava sempre della ‘funtana’. Le ho promesso che un giorno sarei andato a Montaguto per vederlo. È esattamente come l’ha descritta. Così bello. Sto piangendo. Il video è esattamente come quello descritto da mia nonna. Ha detto che c’era una parte superiore dove le donne facevano il bucato e una parte inferiore della fontana con acqua potabile. Ha detto che era bellissimo e ha detto che un giorno dovevo andare lì per vedere la Fontana. Disse che c’erano 3 strade parallele e viveva nella casa alla fine della via centrale, vicino alla Fontana. Il piano superiore della casa si apriva su una strada e il piano inferiore si apriva su un’altra strada. Vivevano al piano di sopra. Dice che avevano delle capre e che immagazzinavano la polenta in grandi bollitori appesi. Mia nonna è nata lì. Suo padre era un Andreano e sua madre era un Bruno. Tutti i suoi zii Bruno emigrarono negli Stati Uniti. La nonna viveva fino a 102 anni. La mia immagine del profilo attuale è di mia nonna. Era sulla sua richiesta di diventare un cittadino degli Stati Uniti. Io lavoro ad Albany, New York durante la settimana e trascorro i fine settimana a Winsted, nel Connecticut, dove sono nata”.

Thank you so much. My nonna, Giovannina Andreano, always talked about the funtana. I promised her I would go to Montaguto someday to see it. It’s exactly as she described it. So beautiful. I am crying. The video is exactly like what my Grandmother described. She said that there was an upper part where women did laundry and a lower part of the fountain with drinking water. She said it was beautiful and she said that I must go there to see the Fontana someday. She said there were 3 parallel streets, and she lived in the house at the end of the middle street, close to the Fontana. The upstairs of the house opened onto one street, and the downstairs opened to another street. The lived in the upstairs. She says they had goats and that they stored polenta in big hanging kettles. My grandmother was born there. Her father was an Andreano and her mother was a Bruno. All of her Bruno aunts and uncles emigrated to the USA. Grandma lived to 102 years old. My current profile picture is of my Grandmother. It was on her application to become a USA citizen. I work in Albany, New York during the week and I spend weekends in Winsted, Connecticut, where I was born.

Questa foto è della festa per il centesimo compleanno della nonna. Si chiamava Giovannina Andreano, ma era conosciuta come Jennie Lazzaro per la maggior parte della sua vita dopo essersi sposata. La fila dietro è Antoinette (mia mamma), mio ​​fratello Mike, mio ​​figlio Lewis, mio ​​nipote Jesse che tiene mio nipote Jaden, mia sorella Kathy e io. La prima fila è Christina (mia nipote), mia nipote Rebecca con mia nipote Adriana, mio ​​nipote Ben, la nonna, mia nipote Brianna e la nipote Mariah.

This photo is from Grandma’s 100th birthday party. Her name was Giovannina Andreano, but she was known as Jennie Lazzaro most of her life after she married. Back row is Antoinette (my Mom), my brother Mike, my son Lewis, my nephew Jesse holding my grand-nephew Jaden, my sister Kathy, and me. First row is Christina (my grand-niece), my niece Rebecca holding my grand-niece Adriana, my nephew Ben, Grandma, my grand-niece Brianna and niece Mariah.

 

In questa foto c’è Raffaele e Fiorenza (Bruno) Andreano.

This picture is Raffaele and Fiorenza (Bruno) Andreano.

 

In questa foto, Raffaele, Giovannina e Fiorenza Andreano. La foto è stata scattata negli anni ’20

In this picture, Raffaele, Giovannina, and Fiorenza Andreano. The picture was taken sometime in 1920s

 

Questa mostra la nonna che tiene in braccio il suo pronipote Jaden.

This one shows Grandma holding her great-great-grandson Jaden.

Commenti

comments

Lascia un commento