MONTAGUTO.COM SI FERMA: BASTA CON LE BATTAGLIE PER IL PAESE


di Michele Pilla

Mi rincresce dirlo, ma Montaguto.com ferma qui le sue battaglie per il paese. Dopo cinque anni di insulti e veleni, personalmente dico basta. Cinque anni, di cui tre come presidente di Pro Loco. Cinque anni in cui abbiamo avuto diverse soddisfazioni, purtroppo accolte con astio e invidia. E allora basta. Perché pensare a Montaguto come rottura di scatole? Io voglio divertirmi, voglio ricordare il MIO paese come luogo che mi dà gioia e felicità.

No, non mollo a causa dei cosiddetti caproni. Mollo perché ho perso la voglia. Mollo perché tanto non m’interessa che a Montaguto chiuda la guardia medica, tanto io so fur’stier. E da forestiero, dispongo di tutte le guardie mediche che voglio. E fa niente che ci siano persone che ne hanno bisogno. Non m’interessa che a Montaguto la sicurezza sia una questione di basso livello, tanto è nu paes d viecchij. Fa nulla che due anni fa una signora di novant’anni sia brutalmente picchiata in casa. Queste due saranno le ultime battaglie che porteremo avanti, finché riusciremo. Abbiamo raggiunto ottimi numeri – oltre seicento firme per la guardia medica, un record!

Non m’interessa che a Montaguto non si pensi allo sviluppo, tanto io vivo in città: qui ci sono tutte le fabbriche che servono. Non sono il sindaco del paese, non sono un assessore, non sono un consigliere. Sono solo un rompicoglioni che vorrebbe vedere il SUO paese tornare ai vecchi fasti. Ma tanto non serve a niente. Chiedo scusa se ci ho creduto finora, ma i sogni non aiutano a vivere. Mando un messaggio agli amministratori: stappate il vostro champagnino, nu bellu ruot patan e p’pciell e tutt cuntent! Lu "giurnalist" si toglie dai piedi. La cosa più bella è sentire cose del tipo "Vai a vivere a Montaguto, solo così puoi capire cosa serve veramente nel paese" e "Che t n freg a te? Tu mic abbit qua?" e via discorrendo. C’è stata anche qualche velata minaccia – sì, minaccia -, di cui però non mi curo e, anzi, mi ci faccio anche una grassa risata.

Da oggi mi curo il mio bell’orticello, fatto di gente adorabile che va d’amore e d’accordo. Montaguto.com, 1017 persone – qualcuna in meno, forse – che ogni giorno riescono virtualmente a tornare al loro paese d’origine. Con un clic, vengono catapultati nella parte più bella del loro luogo natìo, ricordando i bei tempi che furono. Ecco, questo voglio fare oggi: gustarmi il MIO paese in modo da ricavarne tutta la felicità e la gioia possibile. Montaguto è gioia, e purtroppo negli ultimi anni questa gioia l’ho persa per strada. Da oggi mi dedico a tutti coloro che di Montaguto ci vivono, anche se da lontano. Penso ai canadesi, americani, argentini, australiani, tedeschi e tanti altri montagutesi all’estero, che non riescono a venire e che ogni giorno provano la gioia di vederlo qui, a portata di mouse. Questo non si fermerà mai, ve lo assicuro. Qui ne vale davvero la pena. Niente invidie, cattiverie, cattivi pensieri, secondi fini o sotterfugi. Qui siamo limpidi e siamo in pace con il mondo. Qui viene solo chi vuole venire. Non ci sono obblighi.
Penso di meritarmi un po’ di questa gioia, dopo anni di veleni. E voglio condividerla con chi mi è stato vicino ed è stato vicino al sito. Continuerò ad annaffiare quest’orticello, memore di una splendida immagine di quella meravigliosa persona che è Minguccio Del Core: "Com’è bello vedere un bambino crescere. Michele Pilla, sei tutto quello e un po’ di più!!! Sono nel mezzo degli USA e mi è possible sapere quel che succede al mio piccolo paese quasi instantaneamente! Grazie. Nella mia piccola (avventura) in questo mondo ne ho incontrati tanti, ma come voi TRE, MASSIMO, MICHELE e ANTONIO, ne siete pochissimi al mondo. I LOVE YOU GUYS!"
E ringrazio chi ha reso possibile tutto ciò, a cominciare da Massimo e Antonio, fino alle mitiche sorellone De Mita, Monica e Marianna. E andiamo avanti con Montaguto.com. A proposito: è nata la nuova galleria foto! Andate a vederla CLICCANDO QUI! A breve ci scriverò un bell’articolo. Torniamo alle origini: Montaguto.com… il mondo sta cambiando!

2011-11-22 01:52:54

0

Commenti

comments

Lascia un commento