ORSARA, PRESEPE VIVENTE DI MESTIERI E SAPORI


a cura di Marianna de Mita

ORSARA DI PUGLIA (Fg) – E’ uno dei presepi viventi più longevi della Capitanata quello che, a Orsara di Puglia, aprirà i battenti il 26 dicembre per poi replicare la rappresentazione della Natività il 2 e il 6 gennaio 2013. L’ambientazione è tra le più suggestive del Mezzogiorno, poiché le scene della nascita di Gesù e le botteghe della città di Betlemme saranno collocate nell’Abbazia dell’Angelo, imponente complesso monumentale all’interno del quale si trovano ben due grotte naturali.

In una delle due grotte, quella più esterna, sarà ricostruita la scena della Natività. Il viale interno al complesso, invece, accoglierà le botteghe artigiane e quelle in cui i visitatori potranno degustare dolci e tipicità della tradizione orsarese. Il Presepe Vivente di Orsara di Puglia è giunto alla sua quindicesima edizione. Come ogni anno, anche nei giorni di festa in cui aprirà i battenti, la rappresentazione vivente della Natività sarà animata da giovani, donne e uomini in costume d’epoca. Il Presepe Vivente si potrà ammirare dalle 17.30 alle 20.30. La rappresentazione della Natività, a Orsara di Puglia, si svolge all’interno di una vera grotta nel complesso abbaziale dedicato all’Arcangelo Michele. Prima di giungere alla “stalla” di Gesù, i visitatori potranno ammirare i negozi del fabbro, delle massaie e delle tessitrici; la locanda del vino, l’officina dei flauti e dei cesti, la fattoria dei pastori, il negozio del fornaio e molte messe in scena. Per tutto il periodo delle festività, il “paese dell’Orsa” sarà animato da diverse iniziative tra musica, arte e cultura. Il programma completo degli eventi natalizi sarà reso noto la prossima settimana e verrà incentrato, ancora una volta, sulle vocazioni e i talenti espressi da Orsara di Puglia. Sarà un “Natale a Km Zero”, secondo la fortunata formula adottata la scorsa estate per promuovere le migliori e più vitali espressioni della cultura “made in Orsara”.

2012-12-14 16:41:13

0

Commenti

comments

Lascia un commento