‘Passalapenna’, il progetto solidale della Pro Loco Nuovamente


“Passalapenna” è un progetto solidale di raccolta e distribuzione materiale per la scuola, organizzato da Pro Loco Nuovamente di Ariano Irpino. Ecco il comunicato ufficiale.

In merito alle segnalazione pervenuteci in queste settimane di quarantena, ci siamo resi conto che in molte case non mancano solo generi alimentari, ma scarseggiano anche materiali necessari per far studiare i nostri figli, scolari e studenti.

Grazie al supporto di alcuni amici docenti, ci siamo attivati cercando di capire quali fossero le esigenze dei ragazzi per far fronte alla formazione continua e costante tra le mura di casa. Abbiamo deciso quindi di avviare il progetto #passalapenna, una raccolta solidale di materiale per la scuola. Il materiale verrà poi distribuito in veri e propri “KIT SCUOLA”.

Che siano consumabili, o strumenti per la didattica on-line è possibile donare:
– Penne
– Matite
– Colori
– Gomme, temperini
– Quaderni
– Quadernoni
– Fogli da disegno
– Risme fogli A4
– Risme fogli A3
– Forbici
– Pennarelli

In base alle esigenze, all’occorrenza sarà necessario reperire (anche usati, ma funzionanti)
– Stampanti
– Tablet
– Cavi
– Pc
– Router
– Chromecast

» CLICCA SULL’IMMAGINE PER INGRANDIRE

Chiediamo quindi a tutti i docenti che vogliano dare una mano al progetto #passalapenna di comunicare quali sono le esigenze dei propri studenti.

Inoltre ci rivolgiamo a tutti i cittadini e rivenditori che sono nelle condizioni di poter donare forniture di cancelleria e strumenti per la didattica di contattarci all’indirizzo e-mail: passalapenna@gmail.com oppure al numero di telefono 351.8360200.

Consapevoli del fatto che la scuola in questo momento necessita di un grande sostegno. Che il futuro passa attraverso le vite dei nostri figli, donne e uomini del domani, non possiamo restare indifferenti ad un fenomeno cosi devastante, in grado di stravolgere il nostro assetto socio-culturale. Non possiamo permettere a niente e nessuno che qualcuno resti indietro, tanto meno i nostri giovani.

Commenti

comments

Lascia un commento