PASSATO IL TRENO, PASSATA LA FESTA: ECCO LA SITUAZIONE ATTUALE DEI CANTIERI


Passato il treno, passata la festa. Si ritorna a lavorare con maggiore impegno, anche se sembrano sorte nelle ultime ore alcune difficoltà. La seconda fase, quella decisiva e critica, che riguarda appunto la messa in sicurezza del piano stradale, sembra una cosa non agevole. Sono tanti, infatti, i malumori. Sembra infatti che quello di domani sarà l’ultimo giorno di lavoro per la ditta Eurocostruzioni di Eugenio Pancione. Il Dipartimento di Protezione Civile ha deciso di interrompere il rapporto di lavoro con la ditta. Non avrà alcun ruolo per il futuro, al momento, il soggetto attuatore – sul versante Greci-Savignano – Mario De Biase, ex commissario all’emergenza sostituito da Bertolaso… (CONTINUA ALL’INTERNO)

Lo stesso De Biase è invece responsabile di tutto quanto accaduto dal 2006 all’8 giugno 2010. La prima ordinanza, la n. 3868 del 21 aprile 2010, che nominava Bertolaso commissario, stabiliva una prima dotazione di 2,5 sui 19 milioni dei Fas assegnati alla Campania. Per ora sembra che realmente siano disponibili 800mila euro. E proprio da allora la Protezione Civile ha assunto la responsabilità del cantiere, con il binario interrotto e le proteste di politici e di cittadini. Da quella data, per liberare i binari sono stati trasportati via 1,2 milioni di metri cubi di fango e detriti depositati nelle aree contigue agli argini del Cervaro. La spesa si aggira sui 3,5 milioni, e comprende militari, ditta Eurocostruzioni, incarichi affidati, Cnr, Università di Firenze e gare di perforazione. Sono esclusi, secondo l’ultima OPCM – la n. 3880 del 3 giugno – gli oneri di Rfi. Rispetto alla ferrovia la frana è arretrata di una decina di metri. Che, secondo gli esperti, pare essere “un margine rassicurante”. Adesso occorre liberare la strada statale 90 “delle Puglie

Commenti

comments

Lascia un commento