PICCOLI COMUNI, SECONDO APPUNTAMENTO PROMOSSO DALLA PROVINCIA DI FOGGIA


«L’unità istituzionale, politica e territoriale è la sola strada che la Capitanata può intraprendere per rafforzare la sua autorevolezza nel rapporto con gli altri livelli di governo e per costruire, in autonomia, un profilo chiaro del proprio sviluppo socio-economico. Questa necessità si avverte in modo ancor più stringente con riferimento ai bisogni manifestati dalle comunità più piccole e meno popolose del territorio, di cui la Provincia di Foggia deve farsi carico, sul piano politico e su quello più strettamente amministrativo, valorizzando e rafforzando quello spirito di sinergia definito in questi anni». 

Così Matteo Cannarozzi de Grazia, assessore provinciale con delega ai Rapporti con i Piccoli Comuni, commentando l’esito della riunione tenuta nella Sala consiliare del Comune di Volturara Appula alla presenza dei rappresentanti istituzionali dei Comuni di Biccari, Carlantino, Casalvecchio di Puglia, Celenza Valfortore, Motta Montecorvino, Pietra Montecorvino, San Marco La Catola, Volturara Appula, Volturino e Roseto Valfortore e dei consiglieri provinciali Vito Guerrera e Enzo Iannantuoni.
La riunione ha affrontato, in un clima sereno e costruttivo, i temi che riguardano le criticità e la crescita di questa parte importante e strategica della Capitanata. «Il potenziale dell’Appennino Dauno e più in generale delle più piccole comunità della provincia di Foggia è immenso – afferma Cannarozzi de Grazia – Perché possa essere espresso sino in fondo, però, occorre impegnarsi e lavorare insieme per cercare di risolvere i problemi che storicamente l’hanno ostacolato. In primo luogo quelli di ordine infrastrutturale materiale e immateriale, attraverso cui ridurre l’isolamento in cui per troppi anni è stata costretta quest’area del territorio. Su questo piano importanti passi in avanti sono stati fatti dalla Provincia, che sia pure in una congiuntura particolarmente difficile sul piano economico, ha varato nel mesi scorsi un piano organico di manutenzione stradale, al quale è stata affiancata una intensa attività di promozione culturale».
«Non ci sfugge – aggiunge l’assessore provinciale – che per raggiungere questi obiettivi è necessario che le Amministrazioni comunali e la Provincia possano contare sul sostegno dei livelli di governo sovra-provinciali, a partire da quello regionale. Le difficoltà di bilancio, che non possiamo nasconderci o, peggio, sottovalutare, impongono strategie nuove, nell’ambito delle quali evitare di sovraccaricare i bilanci dei piccoli comuni di ulteriori oneri, come ad esempio nel caso dei costi dell’Iva nei progetti finanziati con fondi comunitari». In quest’ottica l’impegno dell’Amministrazione provinciale è quello «di intervenire, anche nell’interlocuzione con la Regione Puglia ed il governo nazionale, per offrire un aiuto concreto a queste comunità, accompagnando l’iniziativa politica al rispetto scrupoloso delle nostre competenze amministrative dirette».
«Considero ampiamente positivo il bilancio dei due appuntamenti che hanno aperto il ciclo di incontri istituzionali che ho inteso promuovere – conclude l’assessore Cannarozzi de Grazia – Nel solco di quanto fatto fino ad oggi dalla Provincia e nella prospettiva di realizzare quanto programmato per il futuro, è stato possibile recuperare una visione univoca delle sfide che ci attendono e delle questioni su cui siamo chiamati ad impegnarci. È stato particolarmente importante trovare in questi primi confronti la conferma di quello spirito di dialogo, collaborazione e cooperazione che contraddistingue la nostra volontà di far crescere e progredire la Capitanata».

2011-04-18 14:48:49

0

Commenti

comments

Lascia un commento