PIEDE FRANA E NUOVO DEPOSITO CON BONIFICA: MILITARI IMPEGNATI SU PIU’ FRONTI


Lo sforzo è comunque enorme, nonostante sia stato necessario intensificare i turni. I militari dell’Undicesimo Reggimento Genio Guastatori di Foggia, guidati dal colonnello Ezio Bottoni, sono gli unici impegnati su tutto il piede di frana. Complessivamente, sono all’opera sette escavatori, per la maggior parte operativi sul fronte Greci-Savignano, laddove il movimento della frana è notevolmente maggiore. Dall’altro lato, ci spiegano, è necessario controllare e sistemare di tanto in tanto… (CONTINUA ALL’INTERNO CON FOTO)

 GUARDA LE FOTO DI OGGI, 11 GIUGNO 2010

Tre turni da otto ore, anche di notte, portano a liberare in media dai 3.000 ai 4.500 metri cubi di terra. Altri due escavatori sono impegnati rispettivamente nel deposito di terra sulla SS90 all’altezza dello scalo Panni-Montaguto e l’altro sul versante opposto, dove i guastatori stanno approntando un nuovo sito di stoccaggio terra. “Di fatto stiamo bonificando una palude – ha spiegato il colonnello Ezio Bottoni -. Abbiamo realizzato una prima canalizzazione di acque di scolo e ne stiamo realizzando altre due, che confluiranno nel Cervaro. Questi sono terreni comunali, che prima non erano sfruttati. Noi invece li stiamo sistemando e appianando, e successivamente si potranno anche adibire a coltivazioni”. Sembra che, per il momento, i militari resteranno le uniche forze in campo. Con questo ritmo, senza pioggia e altri ostacoli, gli uomini del genio sembrano fiduciosi per quanto concerne la liberazione della bretella entro fine giugno, massimo prima decade di luglio.

Michele Pilla

Il nuovo deposito di terra che si sta approntando: la “palude” sarà bonificata

2010-06-11 17:40:02

0

Commenti

comments

Lascia un commento