POESIA PER MONTAGUTO: SERGIO PROPONE UN CONCORSO PER LA PROSSIMA ESTATE


Un concorso di poesia per celebrare Montaguto. La proposta, che riteniamo davvero interessante, è del nostro amico Senzamaninbicicletta, alias Sergio Carrivale. Che, per corroborare la sua idea, ci ha inviato una sua poesia in cui descrive sensazioni e sentimenti legati al nostro paesello. Montaguto.com ve la fa leggere e vi invita a meditare su questo progetto… (CONTINUA ALL’INTERNO CON UNA POESIA)

IL BLOG DI SERGIO

Col grembo tuo seconda vita
desti in bimbo d’uomo adulto
calor materno d’antiche mura.
Vicoli silenti di paese spento
m’offrono pace e limoncello
con un sorriso di donna anziana…
Due pomodori, aglio e basilico
semplici figli dell’irpina terra
che nel piatto son gran signori
sfamano lauti con allegria
riscaldando tavole e cuori.
Pane caldo domenica mattina,
la pizza e i taralli d’Anzivino,
profumo d’olio e caldarroste…
e di legna arsa nei camini,
fuori, nella neve alta.
Montaguto, paese di sorgenti…
acque limpide e fresche
sorgono dissetando vigne
e il rosso vino, forte e allegro,
portato via dalla sua terra
vien colto da malinconica tristezza…
e in ottimo aceto trasmuta.
Fraterni abbracci nel saluto
d’Amici spesso sconosciuti,
e stringere la mano
(quella che non c’è)
m’è più caro di mille carezze.
Il Vento travolge i monti e la valle
sferzando l’anima di chi l’ascolta
sibilare con antica voce contadina
raccontar novelle a mille.
Saluto ogni volta anche le foto,
quelle di chi ha lasciato ormai…
trovando giustamente quiete
nel vecchio cimitero, tra i cipressi…
son cari anch’essi… ignoti amici.
E se qualcuno,
come ancor m’accade,
domanda: «… a chi appart’nite?»
Non è Famiglia, bensì Paese!
io rispondo: «…a Monta’ut…»

L’amico Sergio Carrivale

2010-09-06 14:03:29

0

Commenti

comments

Lascia un commento