FOTO | Presentata l’opera di Germanenzo Iovino, “Collemondo 3G”

Si chiama “Collemondo, 3g”, ma avrebbe potuto chiamarsi in mille altri modi. Su tutti, “Montaguto, 3g”, laddove Collemondo è il nome di un paesino e 3g significa Tre Generazioni. Il paese immaginario che si identifica in tutti i paesi del sud è al centro dell’opera letteraria di Vincenzo Iovino, Germanenzo. Giovedì 14 maggio, nell’aula magna  del Liceo Scientifico “Gaetano Rummo”, a Benevento, si è tenuta la conferenza di presentazione del romanzo, alla presenza di tanti montagutesi…

Dal paese, infatti, è partito un autobus con a bordo circa una trentina di persone. E tanti altri si sono ritrovati nel capoluogo sannita. Una presentazione riuscita alla perfezione, con interventi magistrali. Ha introdotto la conferenza il dirigente del Liceo Scientifico “G. Romano”, Antonio Frusciante, con don Mario Iadanza, docente del Liceo Scientifico “G. Romano” e direttore della Biblioteca  Arcivescovale F. Pacca, che ha presentato l’opera. Mirabili gli interventi di Mario Pedicini, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, e del nostro Antonio Angino, ex docente, storico e grande amico di Germanenzo. A coordinare il tutto, il giornalista Achille Mottola.

Hanno dato il loro contributo anche la nostra Tina Garofalo e il sindaco di Montaguto, Giuseppe Andreano, che ha ringraziato Germanenzo per aver portato, ancora una volta, il nome di Montaguto in giro. Tra un intervento e un altro un attore, ha recitato brani del romanzo, accompagnato dal sottofondo musicale di alcuni ragazzi del liceo, musicisti autodidatti. Grande soddisfazione dell’autore, Vincenzo “Germanenzo” Iovino: “Sono contentissimo – ha detto durante il dibattito – perché anche chi non era di Montaguto ha interpretato gli episodi riportati nel libro come se fossero accaduti nel proprio paese”.

 

2009-05-16 15:23:06

Commenti

comments

Lascia un Commento