PROVERBI MONTAGUTESI | Li pru’erb d Mundaute

Dic’ lu rafanièll “pòvr’ a mme ca so’ puvriéll”. Rspònn la c’ràs: “Si, ma accumpagnàt’ cu lu ccàs pùr na vèppt c’ tràs’ “

Dice il ravanello: “Povero me che son poverello”. Risponde la ciliegia: “Si,ma accompagnato col formaggio, pure una bevuta ci sta bene”

Fessell p’i rocchij e cazzìl ‘nda la cas

Testuale: organi genitali femminili nei rovi e organi genitali maschili nella casa / Cioé: donne al lavoro e uomini tra le mura domestiche!!

Lu mar cacc piscij muort

Testuale: Il mare estrae pesci morti / Cioé: Questa frase si dice quando si sta facendo un lavoro,un servizio, che però sta andando male

Mamm e figlij dint a la buttigl, socr e nor dint a la s’rol

Testuale: Mamma e figlia in una bottiglia, suocera e nuova dentro a un’anfora / Cioè: Madre e figlia andrebbero d’accordo anche in uno spazio angusto come una bottiglia, suocera e nuora non si sopporterebbero neanche in uno spazio largo come un’anfora

Mamma neur appes stev, e tat ruscij ngul vattev

Trad: La pentola sul fuoco / Mamma neur appes stev = La pentola era appesa / E tat ruscij ngul vattev = E il fuoco ardeva sul suo fondo

Mamm lu n’grecc e tat l’ammosc

Trad: Il letto

Nun sann mang fa lu O cu lu b’cchier

Testuale: Non sanno neppure fare la O (il cerchio) con il bicchiere / Cioè Non sanno fare niente

Natal cu lu sol e pasq cu lu c’ppon

Trad: Natale con il sole e Pasqua con il fuoco acceso.

Quann lu per s’ammatur cad ‘nderr sul sul

Testuale: quando la pera è matura cade a terra da sola / Cioè: quando fai una cosa sbagliata prima o poi te ne accorgi da solo

Quann lu cùl mèna viènt’, lu speziàl’ nn’abbushca niènt

Quando il corpo arieggia,il farmacista non guadagna niente

Tu ca fin a mo ai parlat, megl ca t stai nu pok stutat!

Hai soltanto dato fastidio. Ora riposa la tua lingua

Tu ke fatt, tu ke ditt, pigl quist e statt citt!

Hai parlato fino ad ora. Da adesso in poi, taci!

Tèn’ lu pizzl buon’ e l’ scill rott

Tiene il becco buono e le ali rotte (E’ buono solo a mangiare ma non ha voglia di lavorare)

Uaglio’ va zapp ka t’abbusc’k la pulent 

Ragazzo, vai a lavorare che solo così ti guadagnerai il pane per vivere

Ust d’ chiàzz e trist d’ cas’

Allegro e brillante in piazza,cioè fuori con gli estranei, e insopportabile in casa coi familiari

Vid andò cazz ad a i a appenn li quadr

Testuale: Vedi dove devi andare ad appendere i quadri. / Cioè’: Togliti di torno