PROVERBI ORSARESI: Il cibo


Novità interessantissima: abbiamo trovato (grazie a Lello di Manfredonia) una serie di proverbi orsaresi. Fantastici: tutti da leggere. Questi sono quelli dedicati al cibo.

1

A fame fa ascì u lupe d’o uoske

la fame fà uscire il lupo dal bosco

2

A fame nne tene l’uocchje

la fame non ha gli occhi

3

A rasce nn’a freche nisciune

L’abbondanza non la frega nessuno

4

A trippa chiene s’arraggione meglje

Con la pancia piena si ragiona meglio

5

A trippa se chiame pellecchje:cchiù ne mine e cchiù se stenerecchje

la pancia si chiama pellicina: più ne butti e più si stiracchia

6

Carne de puorche, scàlefe e mmjne nguorpe

carne di maiale, riscaldala e mandala giù

7

Chi conze e sconze, nne perde maje u tiembe suje

chi condisce e assaggia, non perde mai il suo tempo

8

Chi mange assaje, tene delure assaje

chi mangia molto, ha molti dolori

9

Chi sta dejune è bbuone, chi perdone è cchiù bbuone

Chi sta digiuno è un bene, chi perdona è più buono

10

Chi tene u pane, nne tene diente;chi tiene i diente, nne tene pane

Chi ha il pane, non ha i denti; chi ha i denti, non ha il pane

11

Chi voule menà a vita caneske, pane perute è acqua frescke

Chi vuole condurre una vita da cani, pane mucido e acqua fresca

12

Dùdece so i mise e trìdece i lune, a cchiù notta rosse è quante te cùleche dejune

Dodici sono i mesi e tredici le lune, la notte più brutta è quando ti corichi digiuno!

13

E capace de se mangià l”Ofete

E’ capace di mangiarsi l’Ofanto

14

Faje u veccone pe quante jè a vocche

Fai il boccone per quanto è la bocca

15

Faje u veccone ruosse e te strafuoche

Fai il boccone grande e muori soffocato

16

I bescotte a chi nne tene diente

I biscotti a chi non ha i denti

17

I chiàcchiere nne dènghiene a trippe!

Le chiacchere non riempiono la pancia

18

Maccarune stise, caudare mpise

Maccaroni messi ad asciugare, caldaia appesa

19

Mange col tuo mange

Mangia con la tua roba

20

Mmetà a maccarune e carne

Invitare a maccheroni e carne

21

Nne mangià manghe pane

Non mangiare neanche pane

22

Pane, cepolle e core cuntente

Pane, cipolla e cuore contento

23

Pane pane, vine vine

Pane pane, vino vino

24

Pizza càude e casa de quaglje

Pizza calda e formaggio con i buchi

25

Poche, ajme e chjene de cènnere

Poco, azzimo e pieno di cenere

26

Quante a vocche macine e u cule rende, se fotte u mìdeche, i medecine e chi i venne

Quando la bocca mastica e il culo fa i peti, si fotte il medico, le medicine e chi le vende

27

Sacche vacante nne ze mantene alerte

Sacco vuoto non si mantiene in piedi

28

T’abbuffe cum’a nu ruospe

Ti riempi la pancia come un rospo

29

Tiene sta lòpeche!

Hai una tale fame!

30

Trippe, sicce e carne de vaccine, sbrevogne a chi cucine

Trippa seppia e carne divitella, fa fare brutta figura a chi cucina, -perché si restringono-

31

U ciucce nne tene uorge e rraglje

L’asino non ha biada e raglia

32

U rasse è rrevate o core

Il grasso è arrivato al cuore

33

U sazje nne crede o dejune

Chi è sazio non crede a chi è digiuno

34

U uine jè u latte d’i vicchje

Il vino è il latte dei vecchi

35

Vjate a tte, pòveru cafone, ca te mange pane e cardone! Pòvre a mme, mòneche sventurate, a mezzejuorne carne e a sere frettate!

Beato te, povero cafone, che mangi pane e cardo! Povero me, monaco sventurato, a mezzogiorno carne e di sera frittata

2006-11-25 00:33:31

Commenti

comments

Lascia un commento