‘SAVIGNANO 2011’, PARTE L’ESERCITAZIONE DELLA PROTEZIONE CIVILE


E’ tutto pronto per “Savignano 2011”, l’esercitazione di protezione civile che si terrà – da venerdì 30 settembre a domenica due ottobre – presso il centro del Cervaro. Una tre giorni – organizzata dal comune di Savignano in collaborazione con la protezione civile flumerese – ricca di appuntamenti di confronto ed esercitazioni che coinvolgeranno le scuole, i giovani e tutta la comunità locale.

Il programma prende il via domani con l’arrivo e l’accoglienza delle varie associazioni. E’ prevista la partecipazione di circa duecento volontari provenienti non solo dalla Campania ma anche dalle altre regioni limitrofe. I vari gruppi saranno ospitati presso le aree di viale della Repubblica e piazza Santa Maria de Mattias dove monteranno le tendopoli. Il clou dell’iniziativa si svolgerà nella mattinata di sabato, con una prima esercitazione – che coinvolgerà gli alunni dell’istituto scolastico “Formato” – e un interessante dibattito su “Savignano ed aree del Cervaro: rischi e risorse”. Interverranno ai lavori, tra gli altri, anche i dirigenti della protezione civile nazionale ing. Angelo Giuseppe Pizza – che relazionerà sul rischio sismico – dott. Vincenzo Albanese e ing. Angelo Pepe con una relazione sugli aspetti di dissesto idrogeologico. Alla conferenza – che si terrà presso l’auditorium municipale dalle 11 – sono stati invitati – con il padrone di casa, sindaco e presidente della comunità montana dell’Ufita Oreste Ciasullo – anche il Prefetto di Avellino, il comandante dei vigili del fuoco, i dirigenti della protezione civile regionale e provinciale e le autorità locali. La simulazione con gli alunni delle scuole riguarderà, invece, un evento sismico con evacuazione dell’istituto. Parteciperanno operatori sanitari con ambulanza, volontari generici per assistenza alla popolazione scolastica, tecnici regionali e addetti alla sicurezza delle operazioni. A seguire, previsto un debriefing con commenti formativi sulla simulazione svolta: gli alunni prendono visione dei mezzi operativi e delle attrezzature di protezione civile utilizzate nell’intervento. I volontari terranno, altresì, una lezione sulla raccolta differenziata. La seconda simulazione – prevista nel primo pomeriggio – avrà come tema l’antincendio boschivo e si svolgerà presso la località di via Capecelatro. Parteciperanno all’esercitazione operatori sanitari con ambulanza, volontari Aib con mezzi antincendio e addetti alla sicurezza delle operazioni. A seguire, prevista un’ulteriore simulazione che riguarderà, invece, il rischio idrogeologico con il coinvolgimento di sommozzatori. L’esercitazione si svolgerà presso il laghetto Aguglia. Vi parteciperanno operatori sanitari con ambulanza, volontari modulo idrogeologico con mezzi ed attrezzature, addetti alla sicurezza delle operazioni e sommozzatori. A seguire, previsto un debriefing con commenti formativi sulla simulazione svolta. In serata si esibirà – ancora presso l’auditorium municipale – la fanfara dei civici pompieri di Napoli, prima dell’ultima esercitazione prevista a tarda sera. La nuova simulazione riguarderà un monitoraggio frana con ricerca dispersi – che si terrà, ovviamente, sulla statale 90 delle Puglie – e vedrà coinvolti volontari generici, unità cinofile, tecnici regionali e addetti alla sicurezza delle operazioni. Non mancherà un debriefing con commenti formativi sulla simulazione svolta. L’ultima simulazione è, invece, in programma nella mattinata di domenica. I volontari saranno protagonisti dell’esercitazione – presso corso Vittorio Emanuele – su simulazione stradale con soccorso sanitario a persone coinvolte. Parteciperanno operatori sanitari con ambulanza, volontari generici, tecnici regionali, addetti alla sicurezza delle operazioni e unità cinofile. A seguire previsto un debriefing con commenti formativi sulla simulazione svolta. Nel pomeriggio, dopo lo smontaggio delle tende, il momento celebrativo con la consegna di attestati e gadget. Il campo sarà chiuso alle 17. L’iniziativa è stata fortemente voluta dal sindaco Oreste Ciasullo e dall’amministrazione comunale di Savignano. “Abbiamo inteso sostenere – dice il primo cittadino – anche finanziariamente questa lodevole iniziativa organizzata dall’associazione di protezione civile di Flumeri, convinti che tale esercitazione sarà molto utile per le nostre popolazioni, che vivono in un’area, quella del Cervaro, soggetta sia a problemi di rischio sismico, sia a gravi problemi di dissesto idrogeologico (vedi il problema della frana di Montaguto)”.

2011-10-01 19:43:00

1

Commenti

comments

Lascia un commento