SAVIGNANO, LE FOTO DEL CONCERTO DI NEK


Delirio a Savignano per il concerto di Nek, l’evento sicuramente più atteso della comunque folta estate savignanese, andato in scena giovedì 12 agosto. Un palco di dimensioni tali da chiudere l’entrata in piazza, giochi di luce e di fumo in stile Festivalbar, una piazza gremita di gente arrivata da zone limitrofe e non. In prima fila alcuni ragazzi del Fan Club campano giunti in paese già nelle prime ore del pomeriggio per garantirsi i posti migliori ed assistere all’evento.

GUARDA LE FOTO DEL CONCERTO – di Marianna De Mita

Li abbiamo conosciuti, abbiamo scattato una foto ricordo e abbiamo chiacchierato con loro. Nicola Valentino, portavoce del club ci ha confessato di seguire Nek dal 1996. Una piccola curiosità ci ha stupite. I Valentino erano in tre, cugini tra di loro, ma ancor di più fratello e sorella in due. “Ci unisce tanto la passione per Filippo, in casa abbiamo tutto di lui, l’intera discografia e poster in cameretta”.
Dopo ore di attesa. mentre una folla sempre più incalzante faceva sembrare i presenti tasselli di tetris, eccolo arrivare sulle note di “Almeno stavolta”. Con un paio di jeans neri, maglietta grigia e scarpe argentate che con i fari riflettevano una luce abbagliante, ha cominciato lo show. Le sue canzoni più famose in stile rock con i battiti delle casse che riecheggiavano nel petto, con le mani in cielo che ondeggiavano o che battevano ritmando il suono delle chitarre dell’artista e dei suoi musicisti. “Se non ami” ha sancito una pausa soft con un Nek più classico e le chitarre acustiche. I più veterani dei fan avrebbero voluto ascoltare in questo frangente “In te”, la canzone che ha visto l’esordio di Filippo, giovane e timido ragazzo di Sassuolo, nel 1993. Evidentemente gli anni passano, il Nek di quel Sanremo ha ceduto il posto ad un Nek superstar, che ha regalato un grande spettacolo musicale, ricco di calore da parte dei fan presenti in piazza che con la loro energia hanno riscaldato l’ambiente, nonostante il venticello fresco che accarezzava la pelle. Meno ricco di calore l’atteggiamento del cantante che, senza curarsi di chi chiedeva una foto, un autografo o nel nostro caso un saluto alla Valle del Cervaro e una dichiarazione a Montaguto.com, dopo l’ultima canzone in scaletta ha ringraziato il sindaco Oreste Ciasullo e i presenti, congedando tutti con un semplice inchino assieme alla sua band, dileguandosi poi come una stella cadente in una notte d’agosto. I più fortunati scavalcando le transenne sono riusciti a stringergli la mano.

Monica de Mita
(Foto Marianna de Mita)

2010-08-14 21:47:20

2

Commenti

comments

Lascia un commento