SAVIGNANO, SI ACCENDE IL DIBATTITO


Si accende il dibattito sulla mancata festa di Sant’Anna, a Savignano Irpino. Ecco gli interventi di Soniam e Anonimo in merito alla questione: festa sì o festa no? Il tutto, legato ovviamente all’apertura della discarica di Pustarza.
Soniam: "La mia era una semplice riflessione personale rispettando chi ha deciso se fare o no la festa… Tu anonimo critichi e accusi qualcuno ed io non sono d’accordo. Soldi o non soldi buttati al vento, a me non interessa politicare. Questo è il primo neo che regna nei piccoli paesi: la politica. Ci sarebbero molte cose da dire e da vedere ma sarebbe poco educato farlo sul sito. Se la festa ci fosse stata ci sarebbe stata un tocco di vita e basta, tutto qui. Spero che tu viva a Savignano e non fuori… Io dico solo una cosa: pustarza ormai c’è e nessuno potrà cambiare le cose. A cosa serve accusarci e avvelenarci fra noi? Dovremmo parlare a quattr’occhi e non sul sito".

Anonimo: "Volevo dire che ho fatto un tentativo di capire e far partecipe altre persone sul perchè della mancata festa di S.Anna a Savignano, la festa per antonomasia del circondario, celebrata anche in tempo di guerra. Il mio pensiero divagava su alcuni fatti politici e sul morale della popolazione, pur tralasciando che il corso, che è sempre stato il palco storico della festa è stato sfasciato e sconquassato proprio in occasione della festa di S.Anna. Per cui la prima domanda spontanea fu: E’ stato sconquassato il corso per non far fare la festa oppure la festa non si è fatta per mancanza del suo palco storico? Il comunicato del prete parla di indisponibilità dell’animo dei savignanesi ad assistere a manifestazioni festose ( e questo l’ho notato anch’io), ma sotto sotto poi si dice, e me lo dice anche un mancato Mastodifesta, che non ci sono state persone disponibili a sacrificarsi e ad onorarsi dell’onere dell’organizzazione. A Soniam voglio dire che non è la banda o il cantante a distoglierci dai problemi di chi avrebbe dovuto raccogliere il grano in quelle terre e non si trova nè grano e nè indennizzo per sopravvivere e in aluni casi c’è l’occupazione di suoli senza preavviso e il contadino piange sul grano divelto sotto le ruspe senza nemmeno sapere che lo stanno seppellendo. Quel grano è il sudore della nostra gente, sacrificato dalla inciviltà e dal disprezzo di chi fa politica. Il lezzo che diffondono i compattatori sul nostro territorio non è un odore festivo, e il continuo rilievo di rifiuti tossici ci rammentano l’inafidabilità della politica. Non mi dicano che il rilievo del tossico è segno di guardia, perchè il rilievo deve essere fatto alla partenza, non all’arrivo, dopo chilometri di spargimento di profumi.
La politica non c’entra? La politica è in testa ad ogni fattore giornaliero e il taglio di quel grano immaturo è equipollente ad opere publiche fatte senza utilità, ma per il politico,grande o piccolo, il motto è sempre lo stesso: "A dispetto delle nuvole, il sole mi risplende".
Di queste cose non dovremmo parlarne inquesti siti ma a quattrocchi? A che pro parlare a quattrocchi e non confrontarsi in publico? A che pro parlarne in anonimato? Giusto. Sono savignanese, ma questi miei pensieri , per il momento, sono solo elucubrazioni (scritte)provvisorie, sono ipotesi che hanno bisogno di decantare, prima dimanifestarmi e mi scuso per il provvisorio anonimato. Saluti a tutti.
PS: Vorremmo sapere se è stato publicato il programma di Savignanoestate, e se si avrà il coraggio (o la sfrontatezza) di fare la sagra delle orechiette, normalmente organizzato dal comitato festa S.Anna che non c’è stato. oppure uscirà un comitato speciale? Sarebbe il massimo dell’ambiguità! A proposito del corso: dove si farà Savignanoestate… Alla Pustarza?".

Soniam: "Carissimo anonimo, posso dirti che in molti punti che tu citi sono pienamente d’accordo con te, anzi in tutto e per tutto. Ribadisco che il mio era un semplice commento e basta. Tu invece sei qui a sfoderare la tua rabbia e le tue accuse sul sito che poi io ritengo sia il posto meno adatto. La comunity sul vostro sito tempo fa fu bannata proprio per le cattiverie che si scrivono e non vorrei succedesse anche su questo. Ripeto che sono arrabbiata quanto te. Io insieme alla mia famiglia abbiamo manifestato a Pustarza e mio marito c’è stato notti intere, abbiamo visto parenti fare bla bla bla e sparire. Ti chiedo ora: pensi che accusando o avvelenarsi possa servire? Si sa e si è sempre saputo che dove c’è la cuccagna ci si attaccano le mosche o no? Spero ti sia chiaro il discorso che volevo farti: non era la musica o la banda che volevo, figurati! Ma è un peccato perché con pustarza andremo alla deriva anche noi. Con la festa intendevo far sì che Savignano intendesse vivere e con o senza Pustarza le cose non sarebbero cambiate. Ti saluto e spero che tu ti presenta sul sito. E’ più bello sapere con chi si ha a che fare chiamandolo per nome".

2008-07-31 17:53:37

4

Commenti

comments

Lascia un commento