SCONGIURATA LA CHIUSURA DEL CENTRO PER DISABILI ‘MAINIERI’


di Alessandro Calabrese*
Pericolo chiusura scongiurato per il Centro psicomotorio e socio-educativo “Mainieri” di Ariano Irpino. Dopo i timori che hanno accompagnato gli ultimi giorni del 2011 e l’inizio del nuovo anno, dunque, si registra un importantissimo risultato. Ieri mattina, infatti, al termine di una riunione allargata, è stato raggiunto un accordo.
A cui hanno partecipato alcuni amministratori comunali, diverse operatrici e il presidente della struttura Antonio Bilotta, oltre al direttore del Consorzio per le Politiche Sociali Ambito A1, Giuseppe Pippo, è stato raggiunto l’accordo. Palazzo di Città, insomma, ha raccolto l’Sos lanciato alle istituzioni da parte del responsabile della “Fondazione Vincenzo Mainieri” e ha rinnovato la convenzione. In pratica, l’amministrazione comunale, nonostante le difficoltà economiche dovute ai tagli del Governo, ha confermato il contributo annuale indispensabile per il funzionamento del centro. Una struttura che con il passare del tempo si è rivelata fondamentale per il Tricolle e per quelle famiglie che ad essa si appoggiano per far crescere, nel migliore dei modi, i loro ragazzi diversamente abili.
A rappresentare il Comune di Ariano, tra gli altri, c’era l’assessore delegato alle Politiche Sociali Raffaele Li Pizzi. E proprio dalla sua viva voce Bilotta e alcuni genitori degli iscritti che frequentano l’istituto hanno avuto ampie rassicurazioni sul futuro. Gli operatori, dunque, non saranno lasciati soli. 
«Il centro – ha spiegato una delle mamme presenti – deve restare aperto a tutti i costi. Chiuderlo rappresenterebbe un dramma per i ragazzi e per noi genitori. Per fortuna, le operatrici, anche in assenza di garanzie e copertura finanziaria, hanno continuato a lavorare in maniera volontaria, dimostrando disponibilità e assoluto attaccamento ai nostri figli».
Fortunatamente, il fosco scenario, di cui si stavano già intravedendo i primi sbiaditi contorni, sembra sia stato allontanato almeno per un altro anno, grazie all’intesa che vede massima collaborazione e sinergia tra Comune, Centro “Mainieri” e Consorzio sociale. Anche quest’ultimo, infatti, farà la sua parte, mettendo a disposizione una navetta per il trasporto dei diversamente abili. Mentre la gestione del servizio sarà a carico della fondazione. 
Soddisfatto della soluzione raggiunta in tempi rapidi il presidente Bilotta che, al termine dell’incontro, ha dichiarato: «Nel corso della riunione sono state definite varie modalità operative. Inoltre, il Comune ha confermato il contributo che ci permette di sostenere le tante spese del centro. Dunque, si riparte…»
* Giornalista di Ottopagine

2012-01-12 03:21:36

3

Commenti

comments

Lascia un commento