SIBILIA A MONTAGUTO: ‘LA PROVINCIA E’ PRESENTE SUL TERRITORIO’


Missione compiuta. Messaggio recepito. L’incontro tra istituzioni e popolazione della Valle del Cervaro è andata a buon fine e rappresenta un ottimo punto di partenza. Ospite d’eccezione, il presidente della Provincia di Avellino, Cosimo Sibilia. I sindaci del collegio 18, insieme ai consiglieri provinciali Antonio Volpe e Giuseppe Stiscia, hanno accolto la massima istituzione irpina nell’ambito di un dibattito sul rilancio della Valle del Cervaro. Al dibattito hanno potuto assistere in diretta su Radiomontaguto tutti gli utenti di Montaguto.com: per la prima volta dal paese si è trasmesso in diretta radio sul web, nonostante la mancanza dell’Adsl.

 ASCOLTA L’INTERVENTO DEL PRESIDENTE COSIMO SIBILIA

 GUARDA LE FOTO DEL CONVEGNO      LEGGI LE INTERVISTE AI SINDACI

Il Presidente Sibilia, che ha risposto al nostro invito, ha subito rassicurato tutti i presenti: “La Provincia è presente sul territorio. Questo è il messaggio che volevo rivolgere agli abitanti della Valle del Cervaro. Ho raccolto l’invito dei giovani di Montaguto.com e sono venuto a portare solidarietà. Ma dev’essere una solidarietà concreta, ovvero tutto quanto si può fare per il futuro di questa zona. Ho sentito il bisogno di venire qui anche per situazioni che non sono di stretta competenza della provincia. Voglio che i cittadini si sentano protagonisti, qui dove vige un isolamento anche dal punto di vista personale”. Il discorso si è poi spostato sui problemi che affliggono Montaguto in primis e gli altri comuni del collegio 18: “A Montaguto manca l’Adsl, così come in altri trenta comuni irpini. La Provincia ha già organizzato un incontro per reperire finanziamenti”.

Punto dolente, lo spopolamento e l’emorragia di giovani, un argomento che a Sibilia sembra stare molto a cuore: “Dobbiamo impedire che i nostri cervelli vadano via. Occorre evitare che i giovani vadano via dalle nostre terre. Tanto tempo fa andavano via con la valigia di cartone. Ora vanno via i cervelli, persone di qualità, quelli che contribuiranno alla rinascita di queste zone”. Il problema fondamentale è appunto quello della viabilità: “L’artigianato, il turismo, ma anche il turismo religioso. Queste sono le questioni pregnanti, che senza una viabilità decente non è possibile affrontare. E proprio per questo prenderemo impegni con la Provincia di Foggia sul potenziamento della SS90, che sarà riaperta al transito al massimo tra venti giorni”.

Un Sibilia pimpante, deciso, che ha dimostrato attaccamento al territorio: “Siamo fortemente motivati per portare a termine questi impegni. La mia presenza qui non è una presenza e basta, ma ogniqualvolta che vorrete sarò qui. Sono abituato a essere sul territorio, questo è il mio modo di fare politica: dare risposte. Non prendo impegni che non posso rispettare. L’impegno che prendo è di essere presente, vicino al territorio. Quello che potremo fare lo faremo. Questa zona ha tanta voglia di rialzarsi. Uscire da un isolamento che viene da anni e anni”.

Discorso frana: “Nel 2006 in qualità di consigliere regionale interrogai l’assessore all’ambiente in diretta tv, con un question time. Ebbi una risposta evasiva e si sono verificate le conseguenze che avevo previsto. Fino a quando la Protezione Civile ha deciso di riprendere in mano la situazione e va a loro tutta la mia gratitudine. Se non ci fosse stata la chiusura della ferrovia saremmo ancora qui a parlare della frana. Apprezzamento al DPC e ai giovani, che hanno posto all’attenzione dell’amministrazione provinciale una problematica: cosa bisogna fare per un contributo fattivo a queste zone? Bisogna creare un collegamento con le istituzioni sovraprovinciali. Sono stato critico e chiaro con Caldoro. La mia parte politica è stata danneggiata da una mancata presenza nel governo regionale di un rappresentante del nostro territorio”.

Michele Pilla

2010-06-27 01:57:57

Commenti

comments

Lascia un commento