SISMA CENTRO ITALIA, SALGONO A 247 LE VITTIME


Cresce di ora in ora il bilancio delle vittime del terremoto che ha interessato il centro Italia. L’ultimo bilancio ufficiale  è di “247 morti, ma si tratto di un numero aperto”, destinato a crescere ancora. Lo ha detto al Gr1 Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento della Protezione Civile. I dati si riferiscono ai numeri forniti dalle prefetture di Rieti e Ascoli Piceno. In particolare si contano 190 morti nel Reatino e 57 nell’Ascolano. E a testimonianza della drammaticità del momento pochi minuti dopo il sindaco di Amatrice annunciava che nella sua sola cittadina i morti sarebbero in totale 200. Non una stima ufficiale ancora, ma la testimonianza che purtroppo dalle macerie ormai escono solo cadaveri.

Ad Amatrice si teme per la sorte di una settantina di turisti che erano ospitati nell’Hotel Roma e che risultano dispersi. Dalle macerie dell’albergo per ora sono state estratte sette vittime, ma la paura è che sotto i detriti e le pareti crollate via siano tutti gli altri. Le speranze di trovarli in vita, se così fosse, sono al momento molto basse. Erano lì per partecipare alla Sagra dell’Amatriciana che si doveva svolgere questa domenica nella cittadina laziale.

Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto non esistono più: la prima, fortissima, alle 3.34 nella notte di mercoledì, le altre di intensità minore ma sempre devastanti, fino all’alba. Poi lo sciame sismico, più di 300 eventi nell’arco di 24 ore, ha continuato a gettare nel panico la popolazione.

Le ricerche sono riprese all’alba dopo l’interruzione notturna decisa per paura di altri crolli.

 

Commenti

comments

Lascia un commento